Porto di Gioia Tauro: sorpasso di 2 portacontainer lungo il canale

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Porto di Gioia Tauro: sorpasso di 2 portacontainer lungo il canale

Si tratta della Msc Michelle e Msc Amelia, entrambe larghe 61 metri, lunghe 400 metri

  21 dicembre 2023 18:03

 Questa mattina alle prime luci dell’alba due giganti del mare hanno effettuato la manovra di sorpasso lungo il canale portuale: si tratta della Msc Michelle e della Msc Amelia, due portacontainer tra le più grandi al mondo. Entrambe le navi presentano una larghezza di 61 metri, una lunghezza di 400 metri e possono trasportare un totale di 24.000 teus.

Banner

La delicata manovra è stata condotta, sotto il costante e attento coordinamento della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, con l’ausilio di quattro rimorchiatori portuali e - nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti - con la contemporanea presenza a bordo della Msc Michelle, di due piloti della Corporazione Piloti dello Stretto di Messina.

Banner

Questo importante ennesimo traguardo, fanno sapere dalla Capitaneria di Porto, testimonia ancora una volta l'efficienza dello scalo portuale gioiese che grazie alla sinergia tra l’Autorità Marittima, l'Autorità di Sistema Portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio ed i Servizi tecnico-nautici, continua a battere primati e nuovi record, secondo un modello di governance portuale in cui la sicurezza della navigazione riveste un ruolo centrale.

Banner

Il porto di Gioia Tauro è l'unico in Italia, infatti, in grado di ricevere e lavorare contemporaneamente tre grandi navi e dove è possibile effettuare in piena sicurezza una manovra di sorpasso come quella odierna.

Grazie alla sua posizione centrale nel bacino del Mediterraneo e alla profondità dei suoi fondali (attualmente a -18 metri), lo scalo calabrese è uno dei principali hub per il transhipment e la distribuzione globale delle merci che può vantare infrastrutture tecnologicamente avanzate, piena operatività e continua accessibilità dei traffici cui, sotto il coordinamento dell’Autorità marittima, fa eco una adeguata cornice di sicurezza fatta di norme tecniche ed amministrative, consolidate procedure operative e grande professionalità. Per il futuro si prevedono lavori di approfondimento dei fondali al fine di aumentare la profondità e la sicurezza del canale portuale che attualmente vanta una larghezza di 240 metri.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner