Porto Gioia Tauro, il commissario punta il dito contro l'assenteismo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Porto Gioia Tauro, il commissario punta il dito contro l'assenteismo

  31 luglio 2019 17:19

"Corriamo il rischio di rendere inutili gli sforzi per la ripresa del porto di Gioia Tauro a causa dell'assenteismo dei portuali". Lo ha detto il Commissario straordinario dell'Autorità Portuale Andrea Agostinelli incontrando i giornalisti per fare il punto della situazione nel porto.

Agostinelli si è detto "deluso ed amareggiato" per l'atteggiamento di coloro "che prima rivendicavano lavoro e che adesso con il rilancio del terminal e dei volumi a causa della loro assenza costringono Mct e ridurre il numero di navi in arrivo". Il Commissario Agostinelli ha fornito anche alcuni numeri: "il 47% delle forza lavoro - ha detto - è assente dai turni per malattia, congedi parentali o ferie e sui circa 1200 portuali in servizio ben 293 sono inabili a svolgere alcune mansioni. Una follia. Così l'accompagnamento alla ripresa dello scalo potrebbe essere vana. Per mesi ho ascoltato gli sfoghi di che chiedeva lavoro ed oggi lo rifiuta".  Anche i numeri della produttività, ha riferito il commissario, sono scesi nonostante gli impegni del terminalista ad investire sull'ammodernamento dei mezzi di banchina e di piazzali.

Banner

"Adesso in Mct i livelli di produttività (carico o scarico dei container ogni ora) sono scesi - ha sostenuto - a 22 movimenti mentre a Valencia si opera con una media di 36 movimenti all'ora. Non mi interessa essere impopolare ma non posso accettare che la prospettiva possa essere messa in discussione dall'ignavia e dal poco senso di responsabilità dei portuali, in un momento nel quale Gioia Tauro può e deve tornare a brillare tra i porti del Mediterraneo". "Spero che le sigle sindacali - ha detto ancora Agostinelli - operino ad accrescere la cultura del lavoro e quindi dell'occupazione, perché occasione che abbiamo oggi con l'arrivo di Msc non si ripeterà tutti i giorni".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner