Coronavirus. Gli infermieri idonei della graduatoria di Catanzaro: "Assurdo che non si assuma a tempo indeterminato"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Coronavirus. Gli infermieri idonei della graduatoria di Catanzaro: "Assurdo che non si assuma a tempo indeterminato"
L'ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro
  28 marzo 2020 23:13

Gli infermieri idonei di Catanzaro si sentono “Eroi dimenticati”

"In uno stato di emergenza sanitaria nazionale si parla tanto di Reclutare personale medico ed infermieristico. In Calabria la sanità e' da anni in emergenza , resa ancor piu' deficitaria dalle gestioni commissariali. Proprio in questo momento particolare la presidente della Regione Santelli dovrebbe provare a chiedere al governo centrale di mandare in deroga le limitazioni del commissariamento e procedere alle assunzioni a tempo indeterminato per gli idonei in graduatoria del concorso febbraio 2019 all’A.O. Pugliese Ciaccio. Idonei che proprio in questo mese sono stati contattati dagli uffici Asl per assunzioni di soli 45 giorni".

"Naturalmente il 90% dei contattati ha rifiutato (chissa perchè?) La carenza cronica di personale, in particolare infermieristico, all'ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro metteva già da tempo mentalmente in attesa gli idonei che dopo le prime assunzioni attendevano la famosa chiamata. Notiamo vari provvedimenti delle rispettive Asl nel territorio regionale (Reggio Calabria -Cosenza) ed in particolare quello del Policlinico Mater Domini che attua delle manifestazioni di interesse interne facendo scorrere le vecchie graduatorie (2014)".

"Nasce spontanea una domanda lecita: Perche' non far scorrere la graduatoria A.o. Pugliese Ciaccio e Procedere alle assunzioni definitive? In alternativa si potrebbero attuare contratti biennali da trasformare in seguito a tempo indeterminato come hanno fatto nella regione Toscana, coinvolgere il governo centrale come si e' fatto ultimamente con i cosiddetti precari. Certamente non si ricevera' risposta negativa data l'emergenza".

"Il momento giusto: di necessita' fare virtu' apportando nei nosocomi personale indispensabile e necessario".