"La nostra quarantena con 15 figli". La famiglia Anania di Catanzaro racconta la sua quotidianità ai tempi del Coronavirus

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "La nostra quarantena con 15 figli". La famiglia Anania di Catanzaro racconta la sua quotidianità ai tempi del Coronavirus
Il pranzo di Pasqua a casa Anania
  29 aprile 2020 18:54

di TERESA ALOI

La mattina, quando tutti sono immersi in una scuola invisibile ma presente, mamma Rita è già al lavoro da ore.  L’organizzazione è in un post-it gigantesco dove non sono ammesse deroghe: c’è chi pensa a mettere via i piatti e le tazze della prima colazione, chi stira, chi apparecchia, chi sparecchia, chi controlla i più piccoli e poi, magicamente (si fa per dire), all'ora di pranzo e cena  tutti seduti attorno al tavolo per mangiare insieme.

Banner

Banner

A casa Anania, in quella villetta a via Fares, 110 metri quadrati su tre piani, si respira aria di casa. Del resto non potrebbe essere altrimenti in periodi di quarantena. Ma ad onor del vero è sempre stato così.

Banner

In 18 sotto lo stesso tetto. Anzi 17 perché Priscilla si è sposata e vive a tre chilometri di distanza con un suo marito e proprio il 10 aprile ha reso Rita e Aurelio nonni di Filippo. Una gioia infinita, non goduta appieno, in periodo di emergenza. Ma grazie alle video chiamate hanno  conosciuto il neonato. Ci sarà tempo per abbracciarlo e coccolarlo a dovere. "Una sensazione strana - dice Rita - io, mamma di sedici figli, sentirmi nonna"  

E allora quindici figli, mamma  e papà.  Marta, 25 anni; Luca, 23; Maria, 22; Giacomo, 20; Lucia, 19; Felicita, 18; Giuditta,17; Elia, 16; Beatrice, 15; Benedetto, 13; Giovanni, 12; Salvatore, 10; Bruno 9; Domitilla 8 e Paola 7.   

L’impressione che si ha è che, dal 9 marzo scorso, l’unica cosa che è cambiata sono gli orari non più ferrei. Un piccolo regalo di questa pandemia: il riuscire a rivalutare il tempo e a goderselo maggiormente. Senza fretta. Per il resto l’organizzazione è quella di sempre. Non c'è scuola, non ci sono le uscite con gli amici. Tutti dentro, giorno e notte. Ma c’è la musica, la televisione, i giochi da tavola rispolverati.  Le "corse" sul balcone e il nascondino tra le scale. E poi c'è la fede. Quella grande fede che ritrovi in tutto in casa Anania.

“Stare chiusi dentro casa non è semplice – dice Aurelio – ma quello che ci ha sorretto e continua a sorreggerci  è il rapporto che abbiamo con la fede come famiglia. Facciamo parte del Cammino Neocatecumenale e nonostante non ci possiamo riunire, il mercoledì e il sabato, per sopperire a questa mancanza, celebriamo in famiglia la parola di Dio. Come le lodi domenicali o il Rosario recitato tutte le sere”.

Momenti di preghiera che hanno sostenuto, e continuano a farlo, Rita e Aurelio nella quotidianità e nell’organizzazione della casa.  La collaborazione, l’aiuto reciproco fanno il resto. L’amore e quel rispetto che non conosce confini l’uno per gli altri. Senza prevaricazione, senza prepotenze. Neppure da parte dei più piccoli. 

“L’unico ad mettere il naso fuori da casa  sono io  - racconta -  per sbrigare commissioni e per fare la spesa. Ma cerchiamo di andare al supermercato una volta a settimana. Massimo due”.  L’unico piccolo disagio sembra legato all’organizzazione dello studio dei ragazzi. Tutti e 15 studiano in un range che va dalla scuola elementare all’Università, passando dalla scuola media e dagli istituti superiori.  E allora si fa a turno. “Il mio computer l’ho ceduto. Ci studiano in tre e se mi serve devo chiedere il permesso- racconta sorridendo Aurelio - fortunatamente la scuola “ M.Preti” ci ha dato un tablet per le lezioni a distanza di Benedetto”.  

Anche gli spazi si ricavano: “Tre studiano al piano di sopra, nelle loro stanze, tre in cucina, tre nel garage, qualcuno all’ingresso e persino sulle scale”. Basta volerlo e tutto si supera. “Rita è bravissima - sottolinea con orgoglio Aurelio - segue i ragazzi nei compiti. Ha imparato a gestire egregiamente la didattica a distanza. Chi frequenta le  superiori si autogestisce, ma per i più piccoli ci vuole un costante aiuto”.

Aurelio per darle una mano si “sposta” in cucina aiutato da Marta. Stasera a cena a casa Anania si mangia sfoglia con ricotta e spinaci. E' il momento più bello.  "A tavola, regna il caos " spiega Aurelio. In 17 sarebbe surreale il contrario. Ognuno racconta la propria giornata tra video lezioni e video chiamate con gli amici. Ma il caos è di quello bello, che sa di risate, di gioia, di allegria. Di amore e di rispetto. Quel caos a cui per nulla al mondo Rita e Aurelio sarebbero in grado di rinunciare.

 

 

 

 

 

 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner