Rems di Girifalco, dal Comitato Emergenza Sanità esultano: "E' ufficiale, il personale sarà reclutato tramite concorso"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rems di Girifalco, dal Comitato Emergenza Sanità esultano: "E' ufficiale, il personale sarà reclutato tramite concorso"
La Rems di Girifalco vista dall'alto
  18 febbraio 2020 18:06

Rems, si faranno i concorsi. Per il reclutamento del personale, circa 60 figure professionali, che sarà occupate nella nascente struttura regionale di Girifalco, saranno indette procedure concorsuali pubbliche e trasparenti.

Lo annuncia con grande enfasi e soddisfazione il Comitato Emergenza Sanità. Che da anni, dopo aver ideato il progetto e fatto si che molti ostacoli alla realizzazione del Rems venissero superati, chiedeva alle autorità competenti concorsi pubblici per il personale che sarà assunto alla Rems di Girifalco. Ed ora arriva la certezza, come da circolare ministeriale. Da un’attenta lettura del D.P.C.M. 4 aprile 2017 e circolari ministeriali susseguenti, adottati dalla conferenza stato regioni, non esiste alcuna possibilità che nelle strutture nazionali delle Rems, possano essere impiegate risorse umane diverse da quelle provenienti dal settore sanità o del ministero della giustizia, reclutate attraverso procedure pubbliche.

 

“Nelle strutture Rems opererà personale assunto mediante concorso pubblico”. Stop alle incursioni, spesso selvagge, della politica ‘politicante’. Che, “specie in campagna elettorale, ne abbiamo avuto riprova alle recenti regionali, ha cercato di fare proselitismo facendo leva sui bisogni della gente promettendo cose che ora si palesano per quelle che sono: bugie e vane promesse”.

 

In particolare, la soddisfazione del Comitato è anche per il cosiddetto mancato pericolo che la stessa cosa potesse accadere nei prossimi mesi e giorni, in occasione delle imminenti elezioni comunali a Girifalco. “I soliti noti ora avranno una ragione in meno per poter abbindolare la gente. Al Rems si lavorerà solo dopo aver superato procedure pubbliche e trasparenti”. Il Comitato, infatti, promette e va sua una prossima mobilitazione. “Staremo vicini alla struttura commissariale dell’Asp, alla Regione e ai ministeri preposti affinché saranno messe in campo procedure rigorose, per la selezione del personale. Il perché, è stato detto tante volte.

“Per una volta, vogliamo che il nome di Girifalco assurga agli onori della cronaca nazionale grazie ad un progetto, il Rems, riconosciuto come pilota a livello nazionale, e dove anche con i concorsi si possa scrivere una pagina di bella Politica e di buone pratiche amministrative. Chi ha orecchie per intendere intenda!”.

 Dunque, dopo l’annuncio da parte del Comitato, della data di fine lavori per il mese di maggio, che coinciderà grosso modo con la data delle elezioni comunali, oggi arriva questa ulteriore buona notizia.

“Grazie ai commissari dell’Asp di Catanzaro, Franca Tancredi, Salvatore Gullì, Gianfelice Bellesini, a Luciano Lucanìa, referente regionale per la sanità penitenziaria ed il superamento degli OPG, a Carlo Nisticò, direttore UC Gestione attività tecniche dell’Asp,

al direttore del dipartimento di salute mentale Franco Montesano e ad Antonio Montuoro, referente della salute negli Istituti penitenziari ricadenti nell'Asp di Catanzaro per l’attenzione e l’impegno a favore del rilancio complessivo della Psichitria di Girifalco”.