spot popup

Sanguigna, carboncino e graffite: i ragazzi del Liceo artistico "De Nobili" celebrano il cinquecentenario della morte di Leonardo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanguigna, carboncino e graffite: i ragazzi del Liceo artistico "De Nobili" celebrano il cinquecentenario della morte di Leonardo
Le opere realizzate dagli studenti
  11 febbraio 2020 19:52

Quello appena trascorso è stato un weekend alternativo, quanto mai impegnativo ma ricco di soddisfazioni per la classe quarta A del Liceo artistico indirizzo Arti figurative.

Infatti, nei giorni scorsi  presso il Parco Commerciale Le Fontane, i giovani artisti hanno esposto le opere che loro stessi hanno creato e tutte dedicate a Leonardo da Vinci, attraverso un lavoro certosino sotto l’attenta visione del loro professore Egidio Leone, docente di laboratorio della figurazione pittorica.

Il 2019 è stato l’anno dedicato a Leonardo da Vinci, l’artista, scienziato e inventore toscano, il genio rinascimentale di cui si sono celebrati i 500 anni della sua morte (1519-2019), con un calendario ricco di eventi a livello nazionale. Un uomo poliedrico e dal multiforme ingegno, forse uno dei più importanti potenziali di sempre, che ha lasciato la sua impronta indelebile in diversi campi del sapere: dalla pittura all’ingegneria, dalla musica alla botanica, dall’architettura alla letteratura.

Sarebbe facile gettare nell’oblio tutto ciò dopo oltre 500 anni  dalla sua morte  e, invece, questo numero così importante ha spinto i ragazzi dell’I.I.S. “De Nobili” di Catanzaro, rappresentato dalla dirigente Susanna Mustari, a riflettere, a ragionare anche su quante cose  siano cambiate, su come, generazione dopo generazione, si sia arrivati ad un mondo in cui  vengono innalzati a idoli personaggi di programmi televisivi di dubbia cultura, i cosiddetti “tronisti”. Si è detta oltremodo entusiasta per questa lodevole iniziativa la Mustari “ L’occasione - ha detto -  ha rappresentato un momento di apertura della scuola al territorio e vuole  anche  essere volano per ulteriori momenti  di condivisione dell’estro artistico e della creatività degli alunni del Liceo Artistico e costituire occasione in cui si possa ammirare e coltivare l’arte come cultura del bello”.

Gli alunni hanno esposto le opere del Maestro Leonardo che loro  stessi hanno riprodotto nei loro laboratori durante le ore curriculari. La Vergine della Roccia, la Gioconda, la Dama con Ermellino, Ritratto di Musico , schizzi di anatomia  e tanto altro ancora realizzate tutte  attraverso varie tecniche: dalla sanguigna, al carboncino, la graffite e  i gessetti colorati. Gli alunni, inoltre, hanno dato prova delle loro capacità artistiche cimentandosi nella realizzazione di  disegni dal vivo, allietando gli sguardi  dei numerosi  e abituali visitatori del centro commerciale in un mite weekend  di febbraio e, perché no, attirando l’attenzione  di appassionati  di arte  e scienza.

“ Gli alunni – ha detto il Prof. Leone- con questa  esperienza sono stati capaci  di trasmettere  emozioni e far risvegliare passioni che un giorno, probabilmente, li indirizzeranno verso altro, verso qualcosa che li farà crescere, che li farà produrre, scoprire, inventare… i geni, anche quelli più grandi, come Leonardo, spesso sono vicini alle nostre vite di comuni mortali più di quanto immaginiamo.” La dirigente ringrazia tutti i docenti che hanno partecipato all'evento, sostenendo gli studenti nel percorso espositivo e le famiglie che ancora una volta hanno accordato fiducia alla scuola.