Praialonga, il Codacons: "Alla penuria d'acqua si unisce l’emergenza rifiuti"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Praialonga, il Codacons: "Alla penuria d'acqua si unisce l’emergenza rifiuti"

  22 agosto 2021 10:35

"Praialonga senz’acqua da giorni ed è emergenza rifiuti. Come fanno alcuni resort di lusso ad avere sempre acqua, quando i comuni mortali, per potersi lavare, devono solo sperare nella pioggia? Succede in Calabria, in una delle zone più belle della costa ionica. A Praialonga, tra le mete più ambite dai turisti, da giorni non si riesce a garantire la somministrazione d’acqua. Eppure in un lussuoso resort si sussurra che l’acqua non sia certo una preoccupazione. Chi brinda e chi ha sete, il tutto a pochi metri di distanza - sostiene Francesco Di Lieto del Codacons. Evidentemente ci sono soggetti più fortunati o, semplicemente, più uguali degli altri. E così anche l’acqua diventa una risorsa …solo per qualcuno. Durissimo il Codacons che ha già provveduto a depositare una denuncia in Procura, chiedendo conto al Comune di Isola di Capo Rizzuto, al Prefetto di Crotone, alla Regione ed a SoRiCal di intervenire immediatamente per restituire dignità a quei cittadini “figli di un dio minore” da giorni costretti a vivere senz’acqua. Senza contare che l’emergenza legata alla pandemia in atto ha imposto ai Cittadini di seguire norme igieniche e comportamentali. Tra le prime, è stato ritenuto fondamentale lavarsi le mani accuratamente".

"A Praialonga, tuttavia, tale possibilità viene negata. Una intollerabile penuria idrica che va avanti da giorni e che impedisce di adempiere alle più elementari attività nonchè a seguire le regole comportamentali imposte dal Governo per contrastare la diffusione del virus. Il Sindaco, quale massima autorità sanitaria sul territorio ed il Prefetto devono provvedere, senza alcun indugio, per garantire l’acqua potabile 24 ore al giorno, senza alcun contigentamento. Una situazione, già incredibile e non degna di un paese civile, ma che appare davvero vergognosa durante questo periodo di emergenza sanitaria e che espone popolazione ad un grave rischio igienico e che costituisce un pessimo biglietto da visita per la nostra regione. Per il Codacons, l’utente che non può usufruire dell’acqua a fini alimentari “va risarcito e gli vanno rimborsati anche tutti i costi sopportati per reperire scorte di acqua da utilizzare sia per bere che per l’ igiene personale ed a livello domestico”. “Senza considerare, poi, chi esercita una attività commerciale. Bar, Ristoranti ma anche parrucchieri impossibilitati a svolgere la propria attività e per i quali s’impone un approvvigionamento anche per ragioni di emergenza sanitaria. E come se non bastasse alla mancanza d’acqua si aggiunge l’emergenza rifiuti. Sembra quasi opera di una regia occulta per creare l’emergenza e poi lucrarci sopra. Una maniera per spingere chi vuole trascorrere le proprie vacanze in Calabria ad allontanarsi. Non può esserci altra spiegazione - prosegue il Codacons - se si chiudono gli occhi sulle cataste di rifiuti che si accumulano indisturbate e che, con le temperature di questi giorni, creano un pericoloso rischio sanitario. Quanto sta accadendo - conclude la nota del Codacons - è di una gravità inaudita e merita un approfondimento da parte della Procura per accertare tutte le violazione di legge da parte di chi avrebbero dovuto garantire la regolarità di un servizio e che, evidentemente, è andato in vacanza".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner