Premi di produttività, buoni pasto e carenza di personale al Policlinico. La Cisl Fp a Giuliano: "Il commissario dia risposte"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Premi di produttività, buoni pasto e carenza di personale al Policlinico. La Cisl Fp a Giuliano: "Il commissario dia risposte"

  10 maggio 2021 16:56

"Dopo vari incontri tenuti con il Commissario Straordinario Dott. Giuseppe Giuliano, a tutt'oggi le problematiche evidenziate da Antonio Cristofaro, Sergio Maida ed Antonio Curcillo, non hanno trovato la giusta soluzione. Importanti istituti contrattuali quali, la produttività relativa agli anni 2018-2019, i buoni pasto non erogati agli aventi diritto da circa un anno e mezzo, la carenza in alcune UU.OO. di personale Infermieristico, Tecnico ed Oss attendono risposte immediate e non più procrastinabili". Lo afferma in una nota la Cisl Fp.

"La mancata applicazione di accordi già sottoscritti sta avendo ricadute  economiche negative per i dipendenti. La carenza di personale - si legge ancora- costringe le esigue unità in servizio ad enormi sacrifici soprattutto in questo periodo di pandemia, mettendo a repentaglio l'incolumità psico-fisica degli stessi  nonché creando notevoli difficoltà per l'organizzazione delle attività di alcune  UU.OO. la cui mole di lavoro è aumentata in modo esponenziale, in quanto, devono far fronte anche all’emergenza –urgenza e si rischia la mancata assistenza agli utenti".

Banner

"Alla luce di quanto esposto la Cisl Fp chiede al Commissario Straordinario di intervenire tempestivamente al fine di individuare le responsabilità e rimuovere gli ostacoli che non consentono l’erogazione della produttività e dei buoni pasto e chiede altresì che si proceda all'assunzione del personale necessario attraverso  le procedure previste dalla normativa in tema anche di Covid per consentire a chi gestisce il personale sanitario di applicare in maniera corretta il DCA 192. La Cisl Fp attende con urgenza che il Commissario dia le dovute risposte alle problematiche evidenziate e proclama sin da ora lo stato di agitazione del personale".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner