Presidi di emergenza territoriale sguarniti di medici, esposto in Procura di Codacons e senatrice Bianca Laura Granato

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Presidi di emergenza territoriale sguarniti di medici, esposto in Procura di Codacons e senatrice Bianca Laura Granato
La senatrice Biancalaura Granato
  18 agosto 2021 21:12

Acclarare l’effettiva mancanza di medici nelle Postazioni di Emergenza Territoriale nell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro”. E’ questa la richiesta principale affidata ad un esposto depositato questa mattina alla Procura della Repubblica di Catanzaro per chiedere agli uffici di attivarsi nell’immediatezza “assumendo ogni e più opportuna iniziativa anche attraverso l’attività ispettiva del Nas”. L’esposto porta la firma del vice presidente nazionale del Codacons, Francesco Di Lieto, e della senatrice Bianca Laura Granato che hanno deciso di procedere in seguito alle numerose segnalazioni ricevute dall’associazione dei Consumatori e dalla parlamentare in merito alla mancanza di medici e turni che saltano. In particolare, proprio questa mattina hanno registrato la notizia che  nel quartiere marinaro di Catanzaro, la Postazione di Emergenza Territoriale sarebbe stata priva di personale medico nel turno tra le 14 e le 20.

“Il soccorso sarà affidato, quindi, ad un infermiere ed all’autista dell’ambulanza. Una carenza che finirà per incidere negativamente sull’assistenza sanitaria in emergenza sul territorio – scrivono nell'esposto depositato ieri mattina -.  E che si tramuta in una negazione non solo di un servizio ma anche del diritto alla salute. Appare assurda la decisione dei vertici dell’Asp di lasciare il compito di intervenire nei casi più gravi all’elisoccorso - si legge ancora nell’esposto -. Lasciando il territorio e le ambulanze senza medici si rischia un uso improprio degli elicotteri, facendoli alzare in volo per interventi che potrebbero essere del tutto inutili».

Banner

«Praticamente - scrivono ancora Di Lieto e Granato -  si  cerca  di  risparmiare  sulla  salute  dei  calabresi  e  si  finisce  per creare uno spreco enorme. Quando la toppa è peggiore del buco. Non  vogliamo  certo  sminuire  la  professionalità  del  personale  infermieristico,  che si prodiga quotidianamente nell’ambito dell’emergenza, purtuttavia, se è riconosciuta  l’esistenza  di  due  distinte  professioni,  quella  di  Medico  e  quella  di infermiere,  ciò  significa  che  esse  non  solo  hanno  compiti  e  funzioni  diverse  maanche, e soprattutto, non sono tra loro intercambiabili. Se poi pensiamo al ridimensionamento dei Poli Sanitari Territoriali, sembra quasi che ci si trovi dinnanzi ad un preciso disegno per far saltare la medicina territoriale ed affossare la sanità pubblica.  Uno  scenario  inquietante  per  migliaia  di  Cittadini  che  ogni  giorno  dalle  aree interne del Catanzarese, hanno necessità di rivolgersi alla sanità pubblica”. Una situazione molto preoccupante, “nonostante all’Asp di Catanzaro continui a giungere un fiume di danaro per garantire livelli dignitosi di assistenza. Anche per questo ci saremmo attesi una corale indignazione da parte dei Sindaci  del territorio. Nessun esito hanno sortito le richieste di spiegazioni ai Commissari dell’ASP di Catanzaro per comprendere le ragioni di una drammatica quanto illegittima penalizzazione”.

Banner

Alla Procura, quindi, chiedono di accertare “tutte le responsabilità e omissioni che hanno impedito ed impediscono di garantire la presenza di personale medico, esponendo la  popolazione  ad  intollerabili  rischi ”.

Banner

“Conseguentemente si chiede che venga imposto all’Asp di Catanzaro di garantire la presenza di personale medico in ogni singolo turno al personale a tutela della salute pubblica – scrivono ancora Granato e Di Lieto -. E quindi si proceda nei confronti di tutti i soggetti ritenuti responsabili, per tutti i reati che saranno riscontrati dall’Autorità procedente”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner