Presto l'attivazione del numero unico di emergenza 112 in Calabria

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Presto l'attivazione del numero unico di emergenza 112 in Calabria

  09 settembre 2021 20:29

In data odierna, presso la “Sala del Tricolore” della Prefettura di Catanzaro, si è tenuto un incontro istituzionale per l’attivazione, nel territorio della Regione Calabria, della Centrale Unica di Risposta (CUR) per la gestione del numero unico di emergenza 112.

Alla presenza del Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza preposto all’Attività di Coordinamento e Pianificazione delle Forze di Polizia, Prefetto Maria Teresa Sempreviva, hanno partecipato all’incontro il Prefetto di Catanzaro Maria Teresa Cucinotta, il Presidente della Regione Calabria Antonino Spirlì, il Direttore per l’Ufficio di Coordinamento delle Forze di Polizia,  Prefetto Vittorio Lapolla, il Commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro dal disavanzo del servizio sanitario della Regione Calabria Prefetto Guido Longo, il Rappresentante della Conferenza Stato-Regioni Dr. Alberto Zoli, il Dirigente Generale Tecnico della Polizia di Stato, il Dirigente Generale del Settore Protezione Civile della Regione Calabria Dr. Fortunato Varone, l’Ingegnere Fabrizio Giusti, Rappresentante del MISE, ed il Dirigente Superiore Tecnico della Polizia di Stato Eligio Iafrate.

Banner

Nel corso della riunione sono state illustrate le modalità e le fasi di avvio di un percorso che consentirà, anche nel territorio della Regione Calabria, di avviare il Numero Unico Europeo di emergenza 112. Il servizio sarà attivato presso una sala operativa dedicata che sarà allestita nei locali della Protezione civile regionale di Germaneto.

Banner

La realizzazione del progetto prenderà le mosse dalla prossima sottoscrizione di un apposito protocollo tra il Ministero dell’Interno e la Regione Calabria.

Banner

All’incontro hanno partecipato altresì i Prefetti, i Questori delle Province calabresi, i vertici regionali e provinciali delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco e delle Capitanerie di Porto, nonché i referenti del servizio Sanitario Regionale

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner