Presunto caso di malasanità a Reggio Calabria: il gip archivia ma la famiglia annuncia di far riaprire il caso

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Presunto caso di malasanità a Reggio Calabria: il gip archivia ma la famiglia annuncia di far riaprire il caso

  07 marzo 2022 10:49

Su richiesta della Procura di Reggio Calabria, il gip Francesco Campagna ha archiviato l'inchiesta sulla morte del ventunenne Vincenzo Altomonte, avvenuta al Gom il 20 febbraio 2019 per "insufficienza cardiopolmonare acuta, secondaria ad embolia polmonare massiva".

Da tre anni, per il decesso del giovane erano indagati dieci persone tra medici di base e ospedalieri e sanitari del 118. Dopo le indagini della Procura e le relazioni dei consulenti tecnici nominati dal pm, il gip ha stabilito che i sanitari che hanno avuto in cura Altomonte "non abbiano posto in essere condotte negligenti, imprudenti o imperite".

Banner

Il gip, inoltre, ha sottolineato la "correttezza della diagnosi e del trattamento terapeutico cui era stata sottoposta la vittima durante il ricovero".

Banner

In una nota diffusa dall'avvocato Walter Biscotti, nuovo legale dei parenti di Vincenzo Altomonte, c'è scritto che "la famiglia non ci sta" ed ha annunciato di voler fare riaprire il caso. "Il primo passo sarà una nuova perizia con un nuovo medico legale. - ha dichiarato l'avvocato Biscotti - La famiglia e gli amici più stretti hanno organizzato una raccolta fondi per coprire le spese necessarie. La battaglia legale si preannuncia ancora lunga per cercare verità e giustizia". 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner