Prima seduta del 'rinnovato' Consiglio provinciale di Catanzaro, Abramo: "La Regione deve dare più deleghe"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Prima seduta del 'rinnovato' Consiglio provinciale di Catanzaro, Abramo: "La Regione deve dare più deleghe"

  03 gennaio 2022 14:22

Arriva la convalida degli eletti alla Provincia. La prima seduta con il rinnovato Consiglio dopo il voto del 18 dicembre scorso è composto da: Azzarito Cannella, Pietro Fazio e Francesco Fragomele per la lista “Venti del sud”; Amedeo Mormile per la Provincia ci Lega”; Sergio Costanzo, Davide Mastroianni e Paolo Mattia per “Noi in Provincia”; Ferdinando Sinopoli per “Coraggio Italia”; Alessandro Falvo per “Centrodestra per la Provincia di Catanzaro”; Mario Deonofrio, Gregorio Gallello e Raffaele Mercurio per la lista “Progressisti per la Provincia di Catanzaro” all'opposizione. 

Clima, come di consueto, piuttosto sereno e pacato. Il presidente Sergio Abramo, a conclusione degli interventi, ha ricordato l'importanza della legge sull'integrazione degli ospedali di Catanzaro: "Si è scherzato abbastanza, nella legge c'è scritto 12 mesi per il protocollo ma credo si possa fare anche in 4 mesi", ha poi rilanciato sulla legge con cui la Regione dovrebbe conferire più deleghe alle Province: "Chiederemo un incontro con il capo di gabinetto già in settimana, la Calabria è l'unica regione dove non ne sono date di più rispetto alla legge" e poi ha posto un problema di rappresentanza dell'Upi nazionale: "Nella legge di bilancio sono stanziati tanti fondi per i Comuni e pochi per le Province. Il governo non ha fatto una bella figura. Per fortuna sono stati approvati gli emendamenti di D'Ettore e Wanda Ferro che aumentano la dotazione". Il presidente ha anche annunciato una riunione propedeutica alla distribuzione delle deleghe ai vari consiglieri.

Banner

Al suo fianco il vicepresidente Fernando Sinopoli che ha detto: "Rimaniamo prima di tutti sindaci poi consiglieri provinciali, non c'è stato il gioco delle parti qui. Il mio invito è quello di stare sui territori". Sergio Costanzo: "Siamo tutti quanti vittime della sciagurata legge Delrio, ridare dignità a questo Ente e il popolo deve tornare a essere sovrano". Il consigliere di 'Noi in Provincia' ha proposto: "Perché non dare l'intero sistema scolastico alle Province?", infine: "La situazione fiscale non è rosea, le colpe sono suddivise equamente. Dobbiamo rimboccarci le maniche ed evitare il dissesto". Per l'opposizione presente Raffaele Mercurio che si è detto soddisfatto per il risultato elettorale: "Finalmente il centrosinistra era unito" e pronto alla massima collaborazione per risolvere "il disavanzo di amministrazione".  Amedeo Mormile ha già annunciato che il gruppo cambierà nome da 'La Provincia ci Lega" a "Lega Calabria- Salvini premier" e ha lasciato intendere che è pronto ad appoggiare le linee programmatiche del presidente non escludendo integrazioni. Sono intervenuti anche Pietro Fazio, Francesco Fragomele, Alessandro Falvo, Davide Mastroianni e Paolo Mattia. Assenti per Covid Gregorio Gallello e Azzarito Cannella, oltre che Mario Deonofrio per 'ragioni tecniche'. 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner