Processo 'Gotha' a Reggio Calabria. L'ex sottosegretario alla giustizia, Valentino, non risponde al pm

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Processo 'Gotha' a Reggio Calabria. L'ex sottosegretario alla giustizia, Valentino, non risponde al pm
Tribunale di Reggio Calabria
  21 aprile 2021 13:29

Si è avvalso della facoltà di non rispondere l'ex sottosegretario alla giustizia Giuseppe Valentino davanti al Tribunale di Reggio Calabria dove avrebbe dovuto testimoniare nell'ambito del processo "Gotha".

Assistito dagli avvocati Guido Calvi e Aldo Labate, l'ex senatore di An ha deciso di non rispondere in aula alle domande del procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e dei difensori degli imputati. Il pm ha ribadito che Valentino è indagato in un procedimento connesso alle accuse contestate agli imputati di "Gotha" tra cui l'ex parlamentare del Psdi Paolo Romeo e dell'ex sottosegretario regionale Alberto Sarra. L'iscrizione nel registro degli indagati ha consentito all'ex sottosegretario Valentino di avvalersi della facoltà di non rispondere. La testimonianza era stata chiesta dopo che, nelle precedenti udienza, il politico era stato tirato in ballo dal collaboratore di giustizia Seby Vecchio che, interrogato dai pm di Reggio, ha riferito circa una riunione tenuta a Roma tra il 2006 e il 2007 quando all'ex sindaco di Reggio Giuseppe Scopelliti, prima di essere ricandidato al Comune, i vertici di Alleanza nazionale avrebbero fatto capire che doveva garantire non solo la cosca De Stefano ma anche la cosca Condello.

Banner

Ha deciso di rispondere, invece, l'ex parlamentare europeo Umberto Pirilli. Anche lui è indagato in procedimento connesso e, assistito dall'avvocato Pasquale Melissari, ha negato più volte di aver mai partecipato a una riunione a Roma in cui, davanti a Fini, si parlò della ricandidatura di Scopelliti in relazione agli equilibri mafiosi nella città di Reggio Calabria. "Intendo a rispondere in ordine alla convocazione come teste. Ho appreso dalla stampa - ha detto -di essere indagato. Ho trovato assolutamente anomalo che un cittadino apprenda così di essere indagato in un procedimento connesso alla mafia". "Ho appreso di quella riunione a Roma dal giornale. - ha aggiunto Pirilli - Di quella riunione non conoscevo l'esistenza. Ribadisco con assoluta certezza che, conoscendo il presidente Fini mai fatto una riunione su temi che non fossero esclusivamente politici. Fini lo incontravo spessissimo. Valentino lo incontravo raramente. Valentino e Sarra o Valentino e Fini non posso dire se si incontrassero e che tipo di rapporti che avevano. A questo punto chiamate Fini e glielo chiedete". 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner