Rapinati e imbavagliati nella villetta di Martelletto, si cercano tre stranieri

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rapinati e imbavagliati nella villetta di Martelletto, si cercano tre stranieri
Antonio Formica, sindaco di Settingiano
  26 luglio 2022 10:27

di TERESA ALOI

Erano in tre. E con ogni probabilità stranieri. Chi è entrato, la notte tra domenica e lunedì, nella villetta di due coniugi, a Martelletto di Settingiano, non si è fatto alcuno scrupolo. Dopo averli sorpresi nel sonno - qualche ora dopo la mezzanotte -, hanno legato e  imbavagliato lui, 73 anni,  e lei, 62 anni, provocandogli lividi ed ecchimosi sul corpo: entrambi sono  tutt'ora ricoverati nell'ospedale "Pugliese Ciaccio"  a Catanzaro.

Banner

 LEGGI ANCHE QUI. In ospedale i coniugi rapinati e imbavagliati con stracci di candeggina nella villetta a Martelletto

Banner

Tutt'attorno candeggina. Sul letto, sul pavimento. Ovunque. Nel tentativo di cancellare ogni traccia che potesse ricondurre ai responsabili. Poi, hanno portato via oggetti d'oro e qualche migliaia di euro. E li hanno lasciati lì, immobilizzati e imbavagliati, fino a quando il figlio della coppia, la mattina dopo, non ha dato l'allarme. 

Banner

Le indagini, portate avanti dai carabinieri della Compagnia di Catanzaro, agli ordini del capitano Ferdinando Angeletti, e del Nucleo operativo investigativo radiomobile di Catanzaro, guidati dal capitano Felicia Basilicata - sul posto, ieri, anche i colleghi della Sezione investigativa scientifica del Comando provinciale del capoluogo- stanno sentendo i vicini e raccogliendo quanto più possibile testimonianze. Lì, in viale Principessa  a Martelletto di Settingiano, dove è ubicata la villa, non ci sono telecamere. 

E intanto il sindaco, Antonello Formica, e l’Amministrazione Comunale di Settingiano  hanno espresso "un messaggio di vicinanza alla famiglia   rimasta vittima di un complesso episodio criminoso di inaudita violenza. Alla doverosa presenza presso l’abitazione delle vittime da parte del primo cittadino e del presidente del Consiglio comunale, si aggiunge l’augurio dell’Amministrazione Comunale affinché i concittadini che hanno subíto tale gravissimo delitto possano nel più breve tempo possibile ritrovare la più intima serenità. Allo stesso tempo, nella concreta consapevolezza che l’Arma dei Carabinieri Provinciale ha messo in campo le più elevate professionalità a livello investigativo-scientifico, si auspica che gli autori del crimine siano al più presto identificati e conseguentemente assicurati alla giustizia".

 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner