Reggio Calabria. Azienda riottiene certificazione antimafia dopo 4 anni

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Reggio Calabria. Azienda riottiene certificazione antimafia dopo 4 anni

  17 settembre 2021 13:08

La società Aet srl di Reggio Calabria ha riottenuto dalla Prefettura la certificazione antimafia. E' quanto comunica l'imprenditore Andrea Cuzzocrea, socio dell'azienda, all'indomani della comunicazione dell'esito positivo della certificazione. "Il 2 maggio 2017 la Aet srl, società di cui ero e sono socio - afferma Cuzzocrea - ha ricevuto una comunicazione interdittiva da parte della Prefettura di Reggio Calabria. Lo stesso giorno mi sono dimesso da presidente provinciale di Confindustria. Più volte, nelle riunioni di Assindustria avevamo considerato che 'La mafia non si può combattere con i guanti bianchi' e che il prezzo che la società civile e le imprese potevano essere chiamate a pagare per questo motivo, considerati gli interessi generali, fosse più che giustificato. Quel giorno, però, il pensiero è andato, innanzi tutto, ai dipendenti della Aet, a mia moglie e ai miei figli; per tutti loro, nonostante l'interdittiva poteva essere un evento tombale per la società, bisognava impegnarsi, fosse anche solo per dimostrare da che parte eravamo sempre stati. E, poi, c'era la sensazione sgradevolissima che lo Stato non mi accettasse più".

"È iniziato così - prosegue Cuzzocrea - un percorso difficile. La Aet S.r.l. è stata la prima società italiana ad essere ammessa dal Tribunale Misure di Prevenzione al controllo giudiziario previsto dall'art. 34 bis del Codice Antimafia e questo le ha consentito di proseguire nell'attività. La Procura, il Tribunale e l'Amministratore Giudiziario sono stati rigorosissimi ma conseguenziali; noi abbiamo capito che, soprattutto chi opera in questo contesto, deve migliorare la propria organizzazione perché solo questa è la via per fugare, per quanto possibile, il 'sospetto' che sta alla base delle interdittive antimafia".

Banner

"A luglio di quest'anno il Tribunale - sottolinea l'imprenditore - ha preso atto delle iniziative assunte dalla Aet e ha accertato che il sospetto che mi riguardava e per cui la società aveva ricevuto il provvedimento inibitorio non aveva portato all'emersione di alcuna circostanza pregiudizievole".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner