Reggio Calabria. Confermata la condanna a 30 anni per Vincenzino Zappia, accusato dell'omicidio di Giuseppe Cartisano

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Reggio Calabria. Confermata la condanna a 30 anni per Vincenzino Zappia, accusato dell'omicidio di Giuseppe Cartisano
Tribunale di Reggio Calabria
  29 settembre 2021 14:40

La Corte d'Appello di Reggio Calabria ha confermato la condanna a 30 anni di reclusione per Vincenzino Zappia, accusato dell'omicidio di Giuseppe Cartisano avvenuto il 22 aprile del 1988. I giudici hanno accolto le richieste del sostituto procuratore della Dda Walter Ignazitto e stamattina, dopo l'arringa dell'avvocato Giancarlo Murolo, hanno confermato la condanna che il gup aveva inflitto in primo grado al braccio destro del boss Giuseppe De Stefano.

Difeso anche dall'avvocato Gianfranco Giunta, Zappia è storicamente indicato dai pentiti come uno dei principali killer della seconda guerra di mafia che insanguinò la città calabrese dello Stretto tra il 1985 ed il 1991. L'omicidio di Cartisano, avvenuto a Reggio Calabria, nella centralissima piazza De Nava, rappresentò la risposta all'agguato in cui fu ucciso il boss destefaniano Carmelo Cannizzaro.

Banner

Durante la fuga, ci fu un conflitto a fuoco tra i carabinieri e i due sicari uno dei quali, Luciano Pellicanò, fu ucciso, mentre Zappia rimase ferito lasciando tracce ematiche sull'asfalto. Tracce che all'epoca non consentirono agli inquirenti di risalire al killer ma che furono conservate nell'archivio della Procura. Adesso, gli accertamenti tecnici su quel liquido ematico si sono rivelati fondamentale per la Dda di Reggio Calabria guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri.

Banner

Il pm Ignazitto, infatti, ha comparato il dna trovato sulla scena del delitto con quello di Zappia. È riuscito, quindi, a chiudere il cerchio sulle responsabilità nell'omicidio di Cartisano dando un volto, quello di Vincenzino Zappia, a quel sicario a distanza di oltre 30 anni. La Corte d'Appello depositerà le motivazioni entro novanta giorni. Solo dopo, gli avvocati potranno ricorrere in Cassazione. 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner