Reggio Calabria. Il neo pentito Cortese ai magistrati: "Le famiglie mafiose prendevano i carabinieri o i poliziotti e se li crescevano"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Reggio Calabria. Il neo pentito Cortese ai magistrati: "Le famiglie mafiose prendevano i carabinieri o i poliziotti e se li crescevano"
La Procura di Reggio Calabria
  15 maggio 2021 15:33

Le famiglie mafiose "prendevano i carabinieri o i poliziotti e se li crescevano". È la frase del boss Maurizio Cortese, l'ex reggente della cosca Serraino che nei mesi scorsi ha scelto di collaborare con la giustizia. Al sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria Stefano Musolino, il pentito Cortese ha descritto la figura di Mimmo Morabito, uno degli imputati del processo "Pedigree". Parlando di lui, l'ex boss non ha dubbi e infatti, già nel verbale del 25 agosto scorso, al procuratore Giovanni Bombardieri e al pm Musolino ha detto: "è massone Mimmo. Ho visto il libretto io, ho visto il libretto io, avete capito?". "In ogni famiglia avevano determinate persone. - è quanto riporta l'interrogatorio del 28 settembre 2020 - determinate persone come Morabito, anzi pure peggio, cioè che praticamente avevano questi rapporti con le forze dell'ordine. Praticamente prendevano i carabinieri o i poliziotti e se li crescevano. Li facevano crescere loro". Il pentito Maurizio Cortese ha spiegato a verbale anche come: "allora prendevano, prendevano un carabiniere cosi` no e magari gli facevano fare dei ritrovamenti, gli facevano fare per dire cioè... a me avete visto chi mi ha preso Dottore? Dei carabinieri quei ragazzini la`, quei dementi ragazzini. A me mi doveva prendere Maugeri, invece hanno fatto, la mia cattura gliel'hanno fare a questi... proprio ragazzini". A dimostrazione dei rapporti con le forze dell'ordine, Cortese ha parlato di Sebi Vecchio, l'ex assessore comunale di Reggio Calabria e poliziotto, arrestato a ottobre e oggi collaboratore di giustizia: "quando ero latitante, avevo degli accordi lavorativi con Sebi Vecchio. Io dovevo dormire con sette cuscini".

Sulle bombe del 2010 ai danni della Procura generale presso la Corte d'Appello e al magistrato Salvatore Di Landro, per il pentito Maurizio Cortese c'è stato un "depistaggio".

Banner

In un primo momento le indagini si erano indirizzate sulla cosca Serraino fino alla collaborazione di Nino Lo Giudice che si è autoaccusato degli attentati. "Mi avevano messo in mezzo a me per tutto il casino che ho fatto nel processo 'Epilogo' - ha raccontato Cortese - l'ho fatto perché volevo che uscivano fuori i nomi di queste persone perché io non ho mai capito per quale motivo hanno messo la bomba alla Corte d'Appello, poi gliel'hanno messa a casa di Di Landro. Ma perché Di Landro? La verità non la sa nessuno, avete capito? O forse la sa Nino Lo Giudice… però certe cose non ritornano". Sempre nei verbali Cortese aggiunge anche che "non lo dicono le persone - dichiara Cortese - non lo dicono le carte… lo dicono le situazioni dottore. Io sapevo che Morabito era confidente". Il pentito si riferisce a Domenico Morabito, arrestato nell'operazione "Pedigree". Ai pm Stefano Musolino e Walter Ignazitto, il collaboratore fa i nomi anche degli avvocati Paolo Romeo e Giorgio De Stefano, principali imputati del processo "Gotha": "Non sono più a livello di 'ndrangheta. Loro - dice - non fanno parte, non hanno a che fare con me per dire o con… hanno a che fare solo con personaggi che io non posso avere capito, del terzo livello".

Banner

Al boss Pietro Labate, inoltre, Cortese aveva confidato il suo malessere nei confronti dei confidenti: "Perché non gli dobbiamo fare niente? Fino al 2016 dove sapevo che c'erano queste persone io volevo fare dei dispetti. Pietro Labate mi ha detto no. Dice non funziona più così Mauro, dice se tu vuoi stare fuori, se tu vuoi stare tranquillo cioè non è che devi andare tu a fare il confidente, però dice non ti puoi mettere nemmeno contro… perché funziona in questo modo".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner