Reggio Calabria, lo scrittore Giovanni Suraci presenta con il Rhegium Julii "Due verità svelate"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Reggio Calabria, lo scrittore Giovanni Suraci presenta con il Rhegium Julii "Due verità svelate"

  16 dicembre 2021 07:07

Organizzato dal Circolo Rhegium Julii, venerdì 17 dicembre, alle ore 17,30, presso la sala Mons. Ferro della Curia Arcivescovile, (ingresso accanto alla libreria delle suore paoline), si terrà un cenacolo letterario per la presentazione del libro “Due verità svelate” - Città del Sole Edizioni, dello scrittore Giovanni Suraci”. L’ incontro sarà introdotto dal presidente del Rhegium Julii Pino Bova e moderato dalla giornalista Anna Foti.

Relazioneranno lo -scrittore Elio Stellitano e la prof.ssa Florinda Minniti.

Banner

Il romanzo racconta l’Aspromonte e il Sud Italia con caratteri diversi ed originali rispetto ad una narrazione ormai tristemente diffusa e convenzionale e non si allinea agli stereotipi che identificano il Mezzogiorno d’Italia esclusivamente per gli aspetti negativi e il Nord come locomotiva di sviluppo senza moralità.

Banner

Nella storia narrata si muovono protagonisti e si intrecciano storie di giovani, figli di un’epoca che aveva una grande voglia di promuovere il cambiamento della società. Gli uomini e, soprattutto, le donne del Meridione vengono descritti con un’attenta analisi storica, mettendo in evidenza una generazione che aveva tanta dignità e orgoglio. 

Banner

Il romanzo, che ha come protagonisti principali un giovane del Sud e una ragazza del Nord e si rivolge principalmente ai giovani meridionali che, per riappropriarsi della loro storia e per ribaltare la reputazione negativa, oggi, impressa come un marchio, hanno come punto di riferimento la parte sana della società. Un romanzo di svolta che vuole narrare la Calabria e il Sud Italia con amore e, soprattutto, con un taglio diverso dai luoghi comuni e dalle mode correnti., Lo scrittore, con estremo coraggio, guarda a un futuro diverso per aprire un orizzonte di speranza ad una popolazione che vuole e deve chiudere con un passato, a dir poco, fallimentare.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner