Reggio Calabria. Un uomo arriva al pronto soccorso con una ferita al collo: arrestato un 38enne

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Reggio Calabria. Un uomo arriva al pronto soccorso con una ferita al collo: arrestato un 38enne

  13 marzo 2021 07:10

I Carabinieri, a conclusione di serrata attività d’indagine, hanno arrestato Roberto Gino Zanon, 38enne di Reggio Calabria per tentato omicidio. Tutto è iniziato tre giorni fa, quando in tarda serata, un giovane 32enne è giunto al Pronto Soccorso dell’Ospedale “Malacrino Morelli” GOM di Reggio Calabria, riportando una grave ferita da taglio al collo.

Subito la segnalazione al 112 e l’intervento presso il Nosocomio dei militari dell’Arma, ai quali la vicenda ha destato particolare sospetto, tanto da avviare immediatamente gli accertamenti del caso, riuscendo in poco tempo ad acquisire fondamentali ed imprescindibili elementi probatori e addivenire alla realtà di quanto accaduto. L’utilizzo dei tradizionali metodi di indagine, a partire dal sopralluogo effettuato sulla scena del crimine e, soprattutto, l’acquisizione di preziosi elementi informativi nell’immediatezza del fatto, attraverso l’escussione di testimoni, persone a conoscenza anche solo di indizi in merito a quanto avvenuto, si sono mostrati determinanti da permettere infine l’individuazione dell’aggressore nella propria abitazione in Villa San Giovanni.

Banner

Il quadro indiziario, rassegnato alla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, ha permesso di raccogliere un dettagliato scenario probatorio a carico del responsabile oltre che di stabilirne il movente con tutta probabilità: il gesto di un verosimile “accoltellamento” da parte dell’uomo sarebbe scattato al culmine di un litigio nato per futili motivi, avvenuto intorno alle 21.30 in piazza “Valsesia” del Comune di Villa San Giovanni, determinando quella vistosa ferita riscontrata sul ragazzo all’atto del suo ricovero ospedaliero.

Banner

Le indagini, coordinate dal Procuratore Aggiunto Gerardo Dominijanni e dal Sostituto Marco Antonio De Pasquale, proseguono per far completamente luce sulla vicenda.

Banner

La vittima è attualmente in prognosi riservata.

L’arrestato invece, è stato condotto presso il Carcere di “Arghillà” in attesa del prossimo giudizio da parte dell’Autorità Giudiziaria.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner