Regionali. De Magistris: "Giovani e cultura saranno i protagonisti del riscatto anche politico della Calabria"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Regionali. De Magistris: "Giovani e cultura saranno i protagonisti del riscatto anche politico della Calabria"
Luigi De Magistris
  19 marzo 2021 10:37

"I giovani e la cultura saranno protagonisti del riscatto anche politico della Calabria. Ed è per questo che ho accolto con entusiasmo la candidatura di Daniel Cundari con noi". È quanto afferma, in una nota, Luigi de Magistris candidato presidente della Regione.

"'La poesia è l'unico partito che rimane'. Questa frase - aggiunge De Magistris - è il passaporto di Daniel Cundari, trentasettenne poliedrico, performer plurilingue e autore di numerosi libri che spaziano dal romanzo al teatro. Animatore culturale, esperto di enogastronomia e linguistica, amante dello sport, ha studiato presso l'Accademia di Lingue di Gdansk e nelle Università di Siena e Granada, dove si è formato artisticamente. Nonostante la giovane età, si spende da sempre a difesa delle comunità calabresi, essendo un acuto conoscitore dei territori interni e delle contrade, delle loro tradizioni e dei beni architettonici. Pur avendo vissuto in diversi luoghi del mondo, maturando una considerevole esperienza internazionale, è attento alle dinamiche sociali della Calabria, da studioso e critico, attraverso progetti rivolti alle artigianalità, al verde e ai centri storici".

"Già premio Lerici Pea, Pericle d'Oro e Genil de Literatura in Spagna, la sua incessante attività artistica - prosegue il candidato alla presidenza della Regione - l'ha spinto fino a Cuba, Slovacchia, Francia, Cina, Messico, Serbia, Germania, Cile e Perù, facendo del dialetto calabrese e della lingua italiana espressione universale. È ospite assiduo dell'Accademia Mondiale della Poesia. Il suo impegno sarà profuso per la cultura, i giovani e l'infanzia, con particolare cura dell'ecologia, dell'agricoltura, dello sport e delle disabilità che producono svantaggi sociali o discriminanti".

"Dopo una lunga e profonda riflessione -afferma Cundari - ho deciso di candidarmi per dare voce a chi negli anni è stato messo da parte o non ha avuto l'opportunità né lo stimolo di esprimere il proprio talento. Al di là degli steccati ideologici, credo mi appartenga il coraggio dell'azione per poter comunicare con le vecchie e le nuove generazioni. La Calabria è costellata di paesi, a volte al di sotto dei mille abitanti. Soltanto con un dialogo costruttivo tra le parti e basato sulla cooperazione territoriale si potrà dare slancio a nuove economie sostenibili". "È giunto il momento - prosegue Cundari - di cambiare, attraverso le buone pratiche e una politica dal basso, contagiosa e giusta, nel rispetto delle diversità e delle identità. Difenderò la mia indipendenza di pensiero per ascoltare e facilitare le istanze dei cittadini di una regione bellissima e troppe volte deturpata da lassismo ed emarginazione".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner