Regionali. Il dott. Diaco non sarà candidato nella lista di Tansi: "Coalizione di Bruni non è valida alternativa per cambiare la Calabria"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Regionali. Il dott. Diaco non sarà candidato nella lista di Tansi: "Coalizione di Bruni non è valida alternativa per cambiare la Calabria"

  17 agosto 2021 12:22

Il dott. Elia Diaco annuncia il ritiro della propria candidatura alle prossime Regionali con la lista Tesoro Calabria. Di seguito il comunicato integrale. 

"Comunico ufficialmente la mia decisione di rinunciare alla candidatura alle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale della Calabria nella lista di Tesoro Calabria. Lo faccio con la stessa serena convinzione con cui avevo a suo tempo condiviso il progetto di Carlo Tansi. Un progetto che, a mio parere, possedeva in origine le caratteristiche adatte per tentare un vero rinnovamento nel governo della Calabria: indipendenza, civismo, distanza netta dagli schieramenti che hanno fin qui dimostrato di non essere all’altezza dei problemi che affliggono la nostra regione.

Banner

Tali caratteristiche, nella mia personale valutazione, sono tutte venute meno con la scelta di Tesoro Calabria di entrare a far parte della coalizione che sostiene la candidatura a presidente della dottoressa Amalia Bruni. Nulla di personale, ovviamente; le doti umane e professionali della collega sono fuori discussione. In discussione, tuttavia, è la politica e il mio è un giudizio politico. In una situazione come quella calabrese, la politica è elemento dirimente e non sono tollerabili tentennamenti, contraddizioni e improvvisi cambi di rotta, specie se non sostenuti da motivazioni robuste e credibili.

Banner

Ho spiegato con chiarezza a suo tempo la mia decisione di candidarmi: sono un medico, ho il mio lavoro che mi gratifica e mi rende libero dal bisogno. Ed è in virtù di questo che avevo liberamente scelto di mettermi a disposizione di una regione, la mia, che, al contrario, di bisogni ne ha fin troppi. Con altrettanta libertà avevo messo da parte il mio tradizionale orientamento politico, anche rinunciando ad altre e più tranquille offerte di candidatura. Tutto ciò in nome dell’indipendenza e, lo ribadisco, della convinzione che la Calabria ha bisogno di alternative vere rispetto a chi l’ha governata negli ultimi decenni. Non posso quindi ritrovarmi nel contesto di un’offerta politica che, per come è maturata e per opera di chi è maturata, non rappresenta a mio giudizio un’alternativa". 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner