Regionali. Oliverio: “Mi candido per liberare la Calabria dal colonialismo sanitario e politico”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Regionali. Oliverio: “Mi candido per liberare la Calabria dal colonialismo sanitario e politico”

  07 settembre 2021 22:33

Questo pomeriggio a Gizzeria  c'è stata la presentazione della lista 'Oliverio Presidente' a sostegno della candidatura dell'ex Governatore Mario Oliverio alla guida della Regione Calabria.


"Liberare la Calabria dalla logica coloniale sia in ambito sanitario che politico. Abbiamo cercato una riunificazione con il centrosinistra che non si è raggiunto solo per la volontà di tutelare tre persone ed un manovratore" ha detto Oliverio durante la presentazione delle liste per le prossime elezioni regionali del 3 e 4 ottobre. 

Banner

Banner


"In Regione c'è un'assenza totale di programmazione anche sui fondi destinati alla Calabria.  La pandemia non ha impedito alle altre regioni di fare riunioni per programmare l'utilizzo dei fondi del Pnnr. Tutti sino alla presentazione della lista mettevano in discussione la presentazione stessa, poi è stato  minimizzato il risultato. Oggi - ha aggiunto- un sondaggio dà un risultato importante con una sola lista che al 3 settembre ( data del sondaggio) non era definita. Nella nostra liste,  visto che la Bruni si è avventurata in considerazione da non fare, ci sono professionisti ed imprenditori vittime di meccanismi da cui sono usciti puliti". 

Banner


In merito al vaglio della Commissione antimafia Oliverio è stato scettico. "Occhiuto ha mandato al vaglio della Commissione antimafia le liste con il risultato che è uscito il padre per entrare la figlia" ha sottolineato.
L'ex Governatore è convinto, anche a seguito degli ultimi sondaggi l,della possibilità di raggiungere risultati soddisfacenti alle prossime elezioni del 3 e 4 ottobre: "La nostra lista sì rivolge ai calabresi per dire di dare una scossa contro il Commissariamento e la raffigurazione della Calabria come regione canaglia. La Calabria deve riequilibrare uno squilibrio che sta pagando amaramente. Sarà una campagna elettorale tranquilla ma facendo un sforzo per mobilitare i territori avremo un buon risultato con un progetto che va oltre le elezioni,. Abbiamo bisogno di raccogliere le energie del centrosinistra, io nel 2014 mi sono sottoposta alle primarie. È  stata una festa popolare ed abbiamo vinto le elezioni .Io non ho utilizzato le funzioni per una rendita personale ma per fornire un servizio alla mia terra e alla sinistra". 

Rispondendo alle domande dei giornalisti Oliviero ha detto: "Siamo al secondo tempo del fallimento del Pd. Non mi aspetto l'espulsione dal partito alla deriva e di cui sono il  primo iscritto".


"Io ho fatto questa scelta per liberare la Calabria che è in una gabbia, il Commissariamento della sanità ha fatto danni enormi, mi sono battuto per eliminarlo ed ho sempre trovato un muro di gomma da parte di ogni Governo. Rimuovere il Commissariamento - ha detto - è una battaglia che può essere vinta solo se c'è una scossa popolare. Lo scopo della lista è quello di liberare la Calabria dal colonialismo che ha desertificato la vita democratica. Ciò che oggi sta accadendo nel centrosinistra è la riproposizione aggravata di ciò che è avvenuto due anni fa".

L'ex Governatore Oliverio ha sottolineato come il fronte dell'opposizione sia stato spaccato da chi "ha gestito in modo cinico la situazione politica. È successo con Callipo presentato come l'Olivetti del sud, dopo aver perso con 25 punti di distacco c'è stata la fuga e nessuno ha aperto una riflessione. La responsabilità- ha detto ancora l'ex Governatore- è di chi ha gestito con ottusità questa fase non di Oliverio che voleva ricomporre. L'unico assillo del PD è la rielezione di tre persone. Ed è inaccettabile".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner