Regione. Governo e Avvocatura ricorrono contro i maxi compensi ai commissari di Corap e Calabria Etica

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Regione. Governo e Avvocatura ricorrono contro i maxi compensi ai commissari di Corap e Calabria Etica
Il consigliere regionale Domenico Bevacqua

Mimmo Bevacqua (Pd) invita il presidente Occhiuto "a riflettere sulla superficialità e la leggerezza che hanno caratterizzato la gestione Spirlì e che rischiano ora di determinare l'annullamento degli atti prodotti ed i conseguenti danni erariali a carico della Regione"

  01 novembre 2021 22:14

"Continuano a venire alla luce e ad essere certificate le verità che abbiamo denunciato nel corso di questi due anni rispetto all'operato della Giunta e della maggioranza in Consiglio regionale. Dopo l'intervento del Tar sulle nomine illegittime, adesso sono il Governo nazionale e l'Avvocatura dello Stato a ricorrere contro i maxi compensi stabiliti nell'aprile scorso per i Commissari straordinari ed esterni di Corap e Calabria Etica. In poche parole, non solo hanno nominato e non potevano farlo, ma hanno anche stabilito stipendi fuori da ogni logica".

Lo afferma, in una dichiarazione, il consigliere regionale Mimmo Bevacqua, capogruppo Pd nella scorsa legislatura e rieletto a Palazzo Campanella in occasione delle elezioni del 3 e 4 ottobre scorsi.

Banner

"Abbiamo provato in ogni modo lecito e istituzionale - aggiunge Bevacqua - a fermare questa corsa all'occupazione pre-elettorale delle postazioni, ma non c'è stato modo di fare desistere il centrodestra. Anzi, hanno avuto il coraggio di affermare in Aula che non ci sarebbero stati oneri finanziari ulteriori per il bilancio regionale. Oggi, da Roma, dicono il contrario e chiedono che sia dichiarata l'incostituzionalità di una legge regionale che noi ci siamo rifiutati di votare, abbandonando l'Aula. Invito, pertanto, il presidente Occhiuto - conclude il consigliere regionale del Pd - a riflettere sulla superficialità e la leggerezza che hanno caratterizzato la gestione Spirlì e che rischiano ora di determinare l'annullamento degli atti prodotti ed i conseguenti danni erariali a carico della Regione".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner