Regolamento incarichi dei dirigenti regionali, Uil Fpl: "Non rispettato il contratto collettivo, serviva confronto con i sindacati"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Regolamento incarichi dei dirigenti regionali, Uil Fpl: "Non rispettato il contratto collettivo, serviva confronto con i sindacati"

  24 aprile 2022 14:09

Riceviamo e pubblichiamo la missiva a firma di Pietro Cerchiara e di Walter Bloise, rispettivamente Responsabile Area Dirigenza e Segretario Regionale Uil Fpl, inviata al presidente della Giunta, all'assessore e al dipartimento del Personale. 

"È pervenuta notizia a questa organizzazione sindacale, che nella seduta di Giunta del 20/04/2022 è stata trattata la modifica al Regolamento sulle modalità e procedure di conferimento degli incarichi di Dirigente Generale dei Dipartimenti della Giunta Regionale e strutture equiparate.

Banner

Come è noto il CCNL “Funzioni Locali” – Sezione Dirigenti – all’art. 44, lettera f), prevede che l’individuazione e la disciplina delle procedure sulle modalità di conferimento degli incarichi dirigenziali è sottoposta, nel rispetto delle corrette relazioni sindacali, all’attivazione del preventivo “CONFRONTO” con le organizzazioni sindacali.

Banner

Tanto premesso, se le notizie pervenute dovessero corrispondere a verità, codesta Amministrazione Regionale ha eluso le prescrizioni del CCNL del 17 dicembre 2020, impedendo alle organizzazioni sindacali di espletare il proprio ruolo istituzionale su una materia fondamentale che riguarda, tra l’altro, l’organizzazione della struttura amministrativa regionale.

Banner

Infatti, le procedure, le modalità e i criteri di assegnazione degli incarichi dirigenziali devono rispettare tutte le prescrizioni di legge descritte dettagliatamente nel citato art. 44, lettera f), atte a garantire una efficiente organizzazione della macchina amministrativa regionale.

Il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali rappresenta un fondamentale momento di confronto e di partecipazione dei lavoratori, che deve essere inteso come un utile contributo alle decisioni dell’organo politico e non, come spesso accade, come un’inutile orpello da rispettare. Pertanto, si invita l’amministrazione regionale ad attivare il confronto sul provvedimento di modifica del regolamento di cui trattasi.

A titolo puramente informativo, si precisa che all’ultima tornata elettorale di Aprile u.s., per l’elezione della Rappresentanza Sindacale Unitaria, che ha decretato la UIL Fpl come prima organizzazione sindacale, ha aderito oltre il 76% dei dipendenti regionali, a dimostrazione dell’interesse e della voglia di partecipazione alla vita organizzativa dell’Amministrazione Regionale.

Alla luce di tutto questo, ci saremmo aspettati più attenzione da parte dell’Amministrazione, invece quello che si registra, è l’approvazione di atti fondamentali nel modello organizzativo, senza il necessario confronto con la scrivente. Riteniamo questo atteggiamento incomprensibile e lesivo degli interessi dei lavoratori, proprio per il ruolo supportivo ed informativo svolto dal sindacato nei loro confronti. Per i motivi sopraesposti diffidiamo l’Amministrazione a voler mantenere corrette relazioni sindacali con la scrivente, diversamente ci vedremo costretti ad attuare tutte le forme di protesta previste dalle normative vigenti, non ultimo il ricorso al Giudice del Lavoro se ciò dovesse essere necessario".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner