Rigenerazione urbana e territoriale, avviate le audizioni sulla bozza di legge in Commissione Assetto del Territorio

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rigenerazione urbana e territoriale, avviate le audizioni sulla bozza di legge in Commissione Assetto del Territorio
Filippo Mancuso
  27 aprile 2022 18:45

“Avevamo annunciato come Ufficio di Presidenza (assieme ai vicepresidenti Caputo e Iacucci  e ai segretari-questore Cirillo e Alecci) e d’intesa con la Commissione competente - dopo l’intervento della Consulta che ha sancito l’incostituzionalità degli articoli 2 e 3 (commi 1,3,4, commi 1 e 2, lettera b) della legge regionale n. 21 del 2010 recante ‘Modifiche e integrazioni al Piano Casa’ per violazione degli articoli 9 e 117 della Costituzione e del principio di leale collaborazione -  l’assunzione di un provvedimento legislativo di superamento. Ed è quando sta avvenendo in Commissione con l’iter legislativo avviato oggi”. 

E’ quanto asseriscono il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso e il presidente della IV Commissione Pietro Raso.

Banner

“La Commissione, infatti, ha oggi  positivamente proceduto - commenta il vicepresidente del Consiglio regionale Caputo - alle audizioni di tutti i soggetti che sulla bozza di legge ‘Norme per la rigenerazione urbana e territoriale, la riqualificazione, il riuso e la densificazione’  hanno titolo ad intervenire” .

Banner

Ad avviso dei presidenti Raso: “L’intento è restituire tranquillità ai cittadini e a tutte le iniziative che gravitano nel settore dell’edilizia. Si intende agire sugli strumenti di tutela ambientale e paesaggistica in ragione dell’unitarietà della nozione di territorio, cosi come segnala la Consulta”.

Banner

Il presidente Mancuso ribadisce “l’attenzione massima del Consiglio regionale per disciplinare, nel più breve tempo possibile e in maniera organica, ogni aspetto relativo a questo settore”.

La Commissione ha audito: (per la Giunta regionale)  il dirigente del Dipartimento territorio e tutela dell’ambiente; il dirigente generale del Dipartimento infrastrutture e lavori pubblici;  il dirigente del Settore infrastrutture; il Presidente dell’Ordine degli ingegneri di Crotone; il Presidente dell’Ordine degli architetti di Catanzaro; il Presidente Ance Calabria e il rappresentante dell’ordine dei geometri di Cosenza.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner