Rimpasto Giunta Fiorita, il direttivo sconfessa il presidente Bruno Gallo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rimpasto Giunta Fiorita, il direttivo sconfessa il presidente Bruno Gallo

  04 agosto 2023 20:38

Il direttivo di Nuova Genesi si dissocia dalle recenti dichiarazioni del presidente Bruno Gallo. A firmare la sconfessione sono Ivano Marino, Maria Mauro, Stefania Oliverio, Deborah Casaburi e Antonello Iuliano


"Fermo restando il principio che non condivideremmo un cambiamento in seno al governo cittadino che andasse nella direzione da più articoli di stampa ipotizzata e da noi letta, in quanto a parere di chi scrive ciò avrebbe un duplice affetto negativo, Il Direttivo di Nuova Genesi si dissocia dalle considerazioni esternate a mezzo stampa dal Presidente Bruno Gallo in merito alle questioni politiche e sul probabile futuro rimpasto della giunta comunale.
Dicevamo, Non condivideremmo un rimpastone con “dentro tutti” perché ciò da un lato svilirebbe i principi consegnati al sindaco in libere e democratiche elezioni e, dall’altro, avrebbe il solo effetto reale e concreto (questo sì non certo ipotetico) di mantenere delle posizioni di governo e non già quello di sviluppare il manifesto elettorale enunciato ai cittadini. 
Il compito di ogni amministrazione è si quello di sviluppare nell’arco di una consiliatura, e non in tempistiche dettate da terzi, le proprie linee programmatiche e di metterle in atto. 
D’altro canto, però, è altresì vero che quanto anzidetto deve essere compiuto rispettando la propria natura e le proprie convinzioni, nonché i propri programmi (sulla base dei quali come anzidetto ci si è presentati agli elettori ottenendo o meno il consenso a rappresentarli ed amministrarli). Ove si facesse, invece, quanto ipotizzato e letto, tutto questo verrebbe disatteso completamente.
Ciò detto, però, non rientrando nei dettami e negli obiettivi di Nuova Genesi quello di avventurarsi in valutazioni, analisi e giudizi politici sull’operato e tantomeno sulle ipotetiche intenzioni e/o ipotesi più svariate di questa o quella amministrazione, come può il suo presidente fare certe esternazioni ?
Ma vi è di più. Premesso che nell’ultima riunione del direttivo, tenutosi appena due giorni addietro, era emersa – ribadendo quanto più volte concordato - la ferma volontà di voler proporre progettualità a vantaggio della città; di non intervenire in questioni politiche e, men che meno censurare le intenzioni (men che meno le ipotesi) di questa o quella parte politica, non riteniamo opportuno dare “giudizi superficiali o peggio temerari” su quella che ad oggi è semplicemente una ipotesi letta sugli organi di stampa, con mille sfaccettature, mille interpretazioni ed ipotesi , ma priva ad oggi, nei fatti, di concreta attuazione. 
Crediamo, invece, che se per ipotesi (una delle tante lette) il sindaco dovesse trovare le risorse per intraprendere una via diversa da quella riportata dagli organi di stampa, ci troveremmo ad aver espresso giudizi e sentenze faziose ed arbitrarie che non competono ad una associazione/movimento come la nostra, convintamente (oltre che dichiaratamente) a-partitica, per come recitano statuto, regolamento e decalogo dello stesso.
Il presente articolo non viene pubblicato per sfiduciare il presidente Bruno Gallo verso il quale continuiamo a nutrire aspettative e rispetto per l’equilibrio e la pacatezza fin qui dimostrate ed al quale su questi presupposti confermiamo la nostra fiducia, ma scaturisce dalla necessità di far comprendere a tutti i cittadini lettori (nessuno escluso) che Nuova Genesi è costituita da professionisti di alto profilo con ottime competenze in vari settori, dotati di autonomia intellettuale ed operativa che non intendono acconsentire (ed accettare passivamente) la diffusione -a mezzo stampa o qualsiasi altro mezzo comunicativo-, di dichiarazioni non condivise e non condivisibili, seppur fondate nei contenuti generali.
Sentiamo il bisogno di ribadire – ancora una volta - che il direttivo sta elaborando progettualità a vantaggio della città che saranno presentate, non a questo o a quel rappresentante politico, ma agli esponenti istituzionali nell’esercizio del loro mandato- con spirito di collaborazione e rispetto reciproco- affinché possano valutarle ed eventualmente trovare risorse e modalità operative per concretizzare quelle ritenute valide. Il tutto in modo gratuito e per amore della nostra città.
In una tipica espressione del mondo greco, Platone nel suo Simposio sosteneva che “l'amore può avere come oggetto solo il bene…”. Su tale principio crediamo sarebbe opportuno, creare delle sinergie fra le tante anime associative viventi in città per perseguire, tutti insieme seppur ognuna con e proprie peculiarità (perché le differenze arricchiscono), la ricerca del bene per una sfortunata città di nome Catanzaro.
Al nostro Presidente chiediamo – anche (e non solo ovviamente) con questa nota di voler condividere con il proprio direttivo i concetti da esternalizzare, a mezzo stampa e/o con qualunque mezzo di comunicazione/social, specie se gli stessi richiamano il nostro Movimento quale autore".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner