Rinascita Scott. Giovedi l’ex consigliere regionale Giamborino davanti al Tribunale della Libertà

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rinascita Scott. Giovedi l’ex consigliere regionale Giamborino davanti al Tribunale della Libertà
Giamborino Pietro
  11 gennaio 2020 11:38

La posizione di Pietro Giamborino, l’ex consigliere regionale accusato di traffico di influenze all’interno dell’operazione anti ‘Ndrangheta “Rinascita Scott”, verrà discussa al Tribunale della Libertà il prossimo 16 gennaio. 

La palla passa ai giudici che dovranno decidere sulle esigenze cautelari e sui gravi indizi di colpevolezza.

Banner

Giamborino, difeso dall’avvocato Anselmo Torchia, è agli arresti domiciliari. 

Banner

Secondo la Dda di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri, il politico avrebbe “intessuto legami con alcuni dei più importanti appartenenti alla 'ndrangheta vibonese per garantirsi voti ed appoggi necessari alla sua ascesa politica, divenendo, di fatto, uno stabile collegamento dell’associazione con la politica calabrese, funzionale alla concessione illecita di appalti pubblici e di posti di lavoro per affiliati o soggetti comunque contigui alla consorteria”. 

Banner

Traffico di influenze contestato anche a Nicola Adamo (ex vice presidente del Consiglio regionale ed esponente del Pd), colpito dall’obbligo di dimora, così come Giuseppe Capizzi, amministratore unico del “Consorzio progettisti e costruttori” e Filippo Valia. A questi ultimi due il GIP aveva applicato l’obbligo di dimora. Misure però annullate dallo stesso GIP dopo l’interrogatorio di garanzia. 

                                                                                                             ed.cor.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner