Rinascita Scott, il Tribunale toglie il braccialetto elettronico all'avvocato Stilo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rinascita Scott, il Tribunale toglie il braccialetto elettronico all'avvocato Stilo

  04 febbraio 2022 13:58

Il Tribunale di Vibo Valentia ha tolto il braccialetto elettronico all’avvocato Francesco Stilo, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e imputato nel maxiprocesso “Rinascita Scott” in corso nell’aula bunker di Lamezia Terme.

Le giudici Gilda Danila Romano (presidente), Claudia Caputo e Francesca Loffredo hanno accolto l’istanza della difesa di Stilo, rappresentata dagli avvocati Paola Stilo e Piero Chiodo, i quali hanno ottenuto la modifica della misura: rimangono gli arresti domiciliari, ma senza braccialetto elettronico.

La decisione si fonda sulle circostanze che durante la detenzione domiciliare il quadro cautelare nei confronti dell’imputato non è peggiorato, né sul piano delle esigenze né su quello degli indizi di colpevolezza. Senza dimenticare le condizioni di salute di Stilo, che hanno spinto in passato i magistrati a sostituire il carcere con gli arresti domiciliari.

Inoltre, aggiungono adesso i giudici, non possono prendersi in considerazioni le dichiarazioni che l'imputato ha reso all'Ufficio di Procura, senza però assumere la qualifica di collaboratore di giustizia.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner