Rinascita Scott. Mantella racconta la divisione delle estorsioni in ogni comune

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rinascita Scott. Mantella racconta la divisione delle estorsioni in ogni comune

  20 maggio 2021 17:08

Per ogni Comune, lungo il tratto della vecchia autostrada A3, c'era un locale di 'ndrangheta e chi prendeva i lavori "cercava di mettere d'accordo tutte le teste 'ndranghetistiche con un 'fiore'".

A dirlo è stato il collaboratore di giustizia Andrea Mantella che nel corso dell'udienza del processo "Rinascita-Scott" di oggi ha continuato a parlare di estorsioni e di imprenditori considerati vicini alle cosche. Al riguardo ha sostenuto che l'imprenditore Giuseppe Prestanicola "è di origine mafiosa, vicinissimo ai Vallelunga e ai Mancuso".

Banner

Per Mantella Prestanicola aveva in mano il monopolio dei lavori sull'autostrada, sul tratto di competenza della 'ndrangheta vibonese che va da Pizzo a Rosarno. "Prendeva i soldi di altre ditte subappaltatrici e li divideva" ha detto il collaboratore facendo risalire il periodo agli inizi degli anni 2000 "perché ancora i Piscopisani non si erano affacciati nel panorama criminale". Mantella, tra l'altro, ha anche riferito la storia di un operaio che, a suo dire, grazie alla 'ndrangheta è diventato imprenditore. Giuseppe Fortuna, detto "Pinu u Cacatu" era un "carpentiere sotto padrone" che lavorava per Francesco Michele Pardea detto "Ciccio Bello" ha detto il collaboratore.

Banner

"Poi - ha aggiunto - si è messo nelle mani di Francesco Fortuna e dei Bonavota e ha cominciato a prendere lavori aprendo una ditta di costruzioni. La ditta era formalmente intestata a lui ma dietro le quinte c'erano i fratelli Pino e Francesco Fortuna e i fratelli Domenico e Pasquale Bonavota". 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner