Rinascita Scott. Staiano vs Mantella, secondo round: nervi tesi, atti e richieste nuove

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rinascita Scott. Staiano vs Mantella, secondo round: nervi tesi, atti e richieste nuove
Salvatore Staiano
  28 giugno 2021 19:13

di EDOARDO CORASANITI

Acquisire gli audio e i video di tutto l’esame e controesame di Andrea Mantella, collaboratore di giustizia numero uno del processo Rinascita Scott. È il colpo di scena ideato dalla difesa di Giancarlo Pittelli, imputato in Rinascita Scott contro le cosche del Vibonese.

A chiederlo l’avvocato Salvatore Staiano, difensore di Pittelli insieme a Guido Contestabile. Alla richiesta si associa l’avvocato Paride Scinica per l’esame e controesame di Emanuele Mancuso.
Dopo la prima puntata dell’otto giugno scorso (LEGGI QUI), oggi è stato il giorno del secondo confronto tra Staiano e il pentito. Lo show segue un copione diverso ma lo scontro tra Staiano e Mantella resta acceso per tutta la durata del controesame. Il legale ha depositato documentazione e sentenze che smentirebbero Mantella su alcuni punti: il pestaggio di Saverio Razionale ad un giudice, una presunta di villa in Austria appartenente a Pittelli, sentenze di assoluzioni confermate nei gradi successivi.

Banner

I nervi iniziano a riscaldarsi quando Staiano cita una dichiarazione di Mantella su Alfredo Gaito, professore universitario e avvocato molto noto in Italia. Obiettivo del legale è preciso: capire se le somme consegnate a Gaito avessero natura corruttiva. Ed è lo stesso Mantella a negare e rigettare l’idea per cui la difesa di Gaito in Cassazione potesse essere in qualche modo legata a fatti criminosi. Una versione che perlomeno in aula chiarisce la posizione di una persona (tra l’altro con una carriera illibata) tirata in ballo gratuitamente: “Si diceva che fosse un massone ma di quelli dichiarati . Ma da quanto ne so era una persona per bene, nulla da dire al contrario”.

Tra i due non corre buon sangue e l’avvocato catanzarese più volte chiede al Tribunale presieduto da Brigida Cavasino di non consentire a Mantella di “minacciarlo”.

Banner

“Ha conosciuto Nicolino Grande Aracri?”, chiede l’avvocato Staiano. Mantella fa sapere di aver conosciuto il boss di Cutro e di averci parlato “del più e del meno. Di processi, di ‘ndrangheta. Di aggiustare processi in corso”. Il legale di Pittelli scende nel dettaglio: “Processi sui suoi parenti, che lo interessavano. Era fiducioso che avrebbe aggiustato il processo di suo genero”, continua Mantella. A Staiano non va bene: “Di quali processi parliamo?” “Mi rimase in mente quello del genero. Stavano cercando di aggiustarlo tramite un avvocato noto di Catanzaro”.

Banner

“Aveva un fratello avvocato che lavorava nello studio di Salvatore Staiano. E che attraverso questo canale si cercavano di aggiustare processi e anche con fiumi e fiumi di denaro”: sono le parole di Mantella che riporta quelle di Nicolino Grande Aracri.

Una precisazione che Staiano vuole mettere a verbale: “Lo faccio per testare l’attendibilità del collaboratore di giustizia”.

Ergastoli su ergastoli, condanne a 30 anni: Staiano fa sapere che Nicolino Grande Aracri con la sua difesa ha raccolto sentenze sfavorevoli e che questo “fiume di denaro” non è mai esistito. Perché, altrimenti, come detto prima da Mantella, un avvocato che non porta a termine un’operazione di corruzione “se la vede brutta”. E se la vede brutta si può declinare in un solo modo nella ‘ndrangheta: la morte. Però Staiano è vivo, in aula, e qualcosa non funziona nelle ricostruzioni di Mantella.

Durante la mattinata c’è stato anche il controesame di Enzo Galeota: l’avvocato ha provato a dimostrare che Gianfranco Ferrante non fosse funzionale assolutamente alle cosche Mancuso e Vallelonga. E che Mantella attribuirebbe in maniera errata un fatto nel 2003 quando invece sarebbe accaduto nel 1997. E soprattutto: obiettivo di Galeota è di dimostrare come Ferrante fosse una vittima di estorsione e non un sodale della cosca.   

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner