Rinnovato il Consiglio di Amministrazione del Consorzio Valorizzazione e Tutela Nocciola di Calabria

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rinnovato il Consiglio di Amministrazione del Consorzio Valorizzazione e Tutela Nocciola di Calabria

Nella prossima settimana si terrà la riunione del Cda, per la designazione del vicepresidente.

  13 gennaio 2022 19:15

Convocazione dell’assemblea ordinaria dei soci per il Consorzio Valorizzazione e Tutela Nocciola di Calabria, nel corso della quale si è proceduto alla rielezione per acclamazione del presidente Giuseppe Rotiroti e all’elezione dei consiglieri che andranno a comporre il Cda.

Affiancheranno Rotiroti nella guida del Consorzio, tra conferme Enrico Clasadonte, Domenico Martelli, Nicolino De Giorgio, e new entry Tonello Marra, Rocco Rosanò e Domenicantonio Vono.

Banner

Nella prossima settimana si terrà la riunione del Cda, per la designazione del vicepresidente.

Banner

Nel corso dell’Assemblea, ospitata presso la sala consiliare di Palazzo Martelli a Torre di Ruggiero, Rotiroti ha voluto particolarmente ringraziare il precedente Consiglio di Amministrazione ed i soci per il contributo fattivo ed economico, la collaborazione per la crescita del Consorzio e lo sviluppo del territorio che hanno profuso negli ultimi anni.

Banner

Un obiettivo comune perseguito con caparbietà e determinazione come quelli che ancora attendono di essere raggiunti nel 2022: il conseguimento del marchio Igp e la trasformazione del semilavorato.

Il Consorzio punta ad una nocciola sempre più di qualità e quasi l’80% del prodotto è bio. Ora bisogna investire per incrementare la qualità.

Illustrando l’attività passata e i progetti futuri, sono stati approvati all’unanimità il bilancio consuntivo del 2021 e previsionale per il 2022.

Rotiroti si è soffermato anche sulle iniziative e gli eventi che hanno avuto come protagonista il Consorzio e la nocciola Tonda calabrese, in partnership con altri enti per la promozione della nocciola anche al di là del proprio contesto territoriale. Riprova di questa grande opera di divulgazione è la richiesta giunta da parte di diversi imprenditori agricoli per la creazione di nuovi impianti in vari luoghi della Calabria.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner