Rinnovo del contratto, Mazzetti (Fsp Polizia) chiede un incontro a Draghi

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rinnovo del contratto, Mazzetti (Fsp Polizia) chiede un incontro a Draghi
Walter Mazzetti
  21 settembre 2021 11:00

“Come prescrive la legge, i lavoratori della Polizia di Stato non possono essere rappresentati dalle confederazioni sindacali, ecco perché è urgente che i sindacati del Comparto possano interloquire direttamente con chi governa in tema di rinnovo del contratto per il triennio 2019-2021, la cui bozza dovrà essere sottoscritta, ahimè ormai a ridosso della sua stessa scadenza. Siamo i soli a poter rappresentare le istanze di centinaia di migliaia di donne e uomini in uniforme, il cui lavoro ha una specificità rimasta troppo a lungo ‘confinata nell’angolo’, e che sono ormai esausti e sfiduciati. Chiediamo al presidente Draghi un incontro urgente, perché un segnale di concreta attenzione verso i servitori dello Stato è indispensabile”.

Così Valter Mazzetti, Segretario generale Fsp Polizia che ha scritto insieme ad altre Organizzazioni al presidente del Consiglio chiedendo una convocazione nell’ambito dei lavori per l’elaborazione della bozza che, una volta sottoscritta, rinnoverà l’accordo per il Comparto sicurezza e difesa per il triennio economico ormai prossimo a terminare.

Banner

“La legge di bilancio – aggiunge Mazzetti – prevede al momento stanziamenti appena sufficienti per fronteggiare il tasso di inflazione programmata e, se non ci saranno modifiche sostanziali, resteranno irrisolti nodi ventennali che in questi mesi i ministri competenti hanno annunciato invece di voler sciogliere. Previdenza ‘dedicata’ per sopperire alla mancanza di una previdenza integrativa attesa da 25 anni, tutela legale, polizze assicurative, applicazione omogenea dei benefici pensionistici ad oggi negati nel Comparto solo ai poliziotti, sono solo le più urgenti questioni che necessitano di risposte. E riteniamo di avere il diritto di conoscere quali saranno le misure, quali le risorse e quali i tempi per le misure che si vogliono intraprendere. Mezzo milione di donne e uomini del Comparto hanno dato in questo momento storico più di quanto fosse lecito chiedergli, e certamente meritano un segnale da parte di uno Stato che contribuiscono a reggere in piedi”.

Banner

 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner