"Ripasso di storia", l'incontro online con lo storico Davide Conti sul mito degli italiani "brava gente"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Ripasso di storia", l'incontro online con lo storico Davide Conti sul mito degli italiani "brava gente"

L'iniziativa è stata organizzata dal Comitato ANPI della provincia di Catanzaro

  22 febbraio 2022 13:04

di CLAUDIA FISCILETTI

"Ripasso di storia" è l'incontro online organizzato dal Comitato ANPI della provincia di Catanzaro avvenuto nei giorni scorsi. Partendo dall'istituzione del Giorno del Ricordo, sul massacro delle foibe, si è voluto interpellare un importante storico, Davide Conti, autore del libro "L'occupazione italiana dei Balcani. Crimini di guerra e mito della "brava gente" (1940-1943)", proprio per approfondire ciò che gli italiani hanno fatto nel corso della Seconda Guerra Mondiale e quanto adesso il Paese riesca a ricordare (o a non ricordare) determinati crimini di guerra che portano la firma italiana.

Banner

Ad avviare l'incontro è Mario Vallone, presidente provinciale dell'ANPI Catanzaro, che spiega: "Abbiamo deciso di fare questo incontro dopo la data del Giorno del Ricordo, perché pensiamo che ci sia molto da dire e spiegare, lontano dalle polemiche. In più trovo abbastanza critica la circolare del MIUR, che parla di parificazione tra foibe-Shoah, e vorrei sottolineare il fatto che in questo Paese non si spende una parola per la ferocia con cui, 85 anni fa, gli italiani compirono determinati atti ad Addis Abeba".

Banner

Pino Ippolito Armino, giornalista e saggista, è intervenuto offrendo una visione generale del secondo dopoguerra e del perché si siano taciuti determinati atti dell'esercito italiano: "Ormai sappiamo, chi vuol sapere sa, che i metodi con cui l'esercito italiano condusse l'occupazione dei Balcani non avevano nulla da invidiare a quelli dell'esercito nazista, e questo è un dato che ormai non può essere ignorato da nessuno soprattutto perché l'analisi di Davide è lucida, analitica e attentamente documentata. Come mai questa memoria emerge dopo tanti anni? E quali sono le responsabilità? Nell'immediato dopoguerra la responsabilità di aver taciuto ciò che è successo nei Balcani può essere condivisa da tutti gli schieramenti politici"

Banner

A questo punto è Davide Conti a prendere la parola: "C'è una grammatica storica che seleziona la memoria selettiva di quegli eventi. La vicenda delle foibe è inspiegabile dal punto di vista storico se non collocata nel suo contesto e cioè le esplosioni di violenza che si verificano sul confine italo-jugoslavo nel 1943", lo storico continua esponendo i fatti storici che da lì fino al 1945 si sono susseguiti sul confine orientale. Tutti avvenimento che bisogna collocare nella "guerra totale di massa, cioè nella Seconda Guerra Mondiale - continua Conti - in cui la misura bellica sviluppata dagli eserciti investe direttamente i civili". Un continuo chiudere sempre un occhio su come e in che misura le gesta dell'esercito italiano vengono ricordate, tralasciando alcuni dettagli e proseguendo fino al 1999, quando il Paese partecipa ai nuovi bombardamenti in Jugoslavia e "contestualmente organizza l'Operazione Arcobaleno, in riferimento ai colori della pace - spiega Conti -, quindi bombarda usando i colori della pace perché quella misura del controllo del passato è funzionale al governo del presente. L'articolo 11 della Costituzione dice che l'Italia ripudia la guerra, ma se questa assume i caratteri di una missione di pace non è più anticostituzionale. Il mito degli italiani brava gente, dei militari italiani in missione di peace keeping, è utilizzato anche oggi in cui l'Italia partecipa attivamente a missioni internazionali di carattere bellico".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner