S. Anna hospital, Donato: "Scongiurare il rischio chiusura. La politica deve intervenire"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images S. Anna hospital, Donato: "Scongiurare il rischio chiusura. La politica deve intervenire"
Valerio Donato
  06 febbraio 2022 16:05

“Mentre la politica catanzarese ormai da anni discute solo di incarichi e candidature, un altro pezzo importante della sanità e della storia della città rischia di venire giù. Le notizie che arrivano dalla prestigiosa struttura Sant'Anna Hospital sono pessime e se fossero confermate aumenterebbero le nostre preoccupazioni”. Lo afferma, in una nota, il candidato sindaco per la città di Catanzaro, Valerio Donato.

 “Pare infatti – prosegue la nota - che interventi chirurgici e ambulatoriali programmati siano stati sospesi anche alla luce delle dimissioni di alcuni sanitari. La crisi senza fine del Sant’Anna Hospital, struttura di assoluta eccellenza, è lo specchio di una città in chiara difficoltà e che avrebbe bisogno di risposte forti. Risposte che evidentemente stentano a venire da una classe politica avvitata su sé stessa e preoccupata piuttosto del mantenimento dello stato attuale delle cose”. 

Banner

“Non posso e non voglio entrare nel merito degli errori e delle responsabilità, anche individuali, che hanno portato alla crisi del Sant'Anna e all'attuale situazione di incertezza – rileva Donato. Dico solo che l’ondata di solidarietà che si è registrata in città verso i dipendenti e i professionisti che si sono battuti per la salvezza della struttura non ha trovato una risposta forte da parte delle istituzioni. Se c'è ancora uno spiraglio in questa dolorosa vicenda, e io ritengo che esista, bisogna cercare di tenerlo aperto. Il presidente Occhiuto, che è anche Commissario straordinario della Sanità, può e deve intervenire. Altrimenti, tutti i discorsi su “Catanzaro Città della Buona Sanità” lasceranno il tempo che trovano. Una via d'uscita deve comunque esserci per un'eccellenza sanitaria che ha assistito negli anni migliaia di calabresi, evitando un’ennesima emorragia sanitaria verso altre regioni, soprattutto in campo cardiologico e cardiochirurgico”. 

Banner

“L’unica cosa certa che mi sento di dire – conclude la nota - è che nessuno, di fronte al rischio di chiusura del Sant’Anna Hospital, può girarsi dall'altra parte. E’ un dovere morale nei confronti dei dipendenti, degli ammalati e dell'intera città”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner