"Salta" Schermi all'Aranceto, Fiorita: "Giovedì tutti lì, Catanzaro è dei catanzaresi perbene non di un pugno di criminali"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Salta" Schermi all'Aranceto, Fiorita: "Giovedì tutti lì, Catanzaro è dei catanzaresi perbene non di un pugno di criminali"
Nicola Fiorita
  12 luglio 2023 09:13

di NICOLA FIORITA*

 “Giovedì sera, saremo tutti al quartiere Aranceto. E l’auspicio è che vi sia tutta la città, non solo quella istituzionale ma quella Catanzaro che nella sua stragrande maggioranza è fatta di persone perbene, oneste, operose, che conoscono il senso e il valore della parola comunità. Un pugno di criminali, ad Aranceto, ha sostanzialmente impedito, ieri sera, la proiezione del film in programma nel cartellone della rassegna “Schermi”.

Banner

 

Banner

LEGGI QUI

Banner

 

Lo ha fatto con l’unico linguaggio che conosce: il linguaggio della violenza, della intimidazione, della inciviltà. Eppure, lo scopo della rassegna, dei giovani operatori culturali che l’hanno pensata e organizzata, con il sostegno convinto dell’Amministrazione Comunale, è di animare proprio le periferie, quelle porzioni di città che più hanno bisogno di allontanare da sé il rischio di sentirsi ai margini, di sentirsi esclusi, fuori dal contesto. Quelle porzioni di città che tutte le persone di buona volontà, ciascuno per la propria parte e per le proprie responsabilità, stiamo invece cercando di far sentire parte di una comunità che include e che non vuole lasciare dietro nessuno.

 

La rassegna di proiezioni nelle periferie sta raccogliendo, come ha confermato il regista Mauro Lamanna un’accoglienza amorevole, com’è giusto e immaginabile che sia. Perché Catanzaro è capace di questi slanci di generosità. E anche Aranceto si preparava a vivere la medesima esperienza, se non fosse stato per quel pugno di criminali che ha spinto gli organizzatori a sospendere la proiezione. Sospendere, ma non rinunciare. Perché non si rinuncia a vivere, perché la violenza non può avere alcun diritto di cittadinanza. Perché la violenza troverà sempre tutti noi a sbarrargli strada.

 

Ed è bene che quel pugno di criminali se lo ficchi in testa una volta per tutte. La proiezione si farà giovedì prossimo, 13 luglio e noi saremo lì a ripeterglielo: Catanzaro non è la loro, non lo è la città e neppure quel quartiere. Catanzaro è dei catanzaresi perbene e solo di quelli”.

*sindaco

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner