San Pietro Apostolo. “Letture nel borgo” si conclude con il premio Kerasion

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images San Pietro Apostolo. “Letture nel borgo” si conclude con il premio Kerasion

  30 agosto 2021 11:54

Leggere il borgo attraverso l’arte, la cultura e la letteratura. Questo l’obiettivo che ha visto poeti, scrittori, artisti e filosofi, vivere due giornate intense nel paese montano di San Pietro Apostolo per la seconda edizione di “Letture nel borgo”, la rassegna culturale promossa e patrocinata dall’Amministrazione comunale con la direzione artistica di Miriam Rocca.

 

Banner

Una Piazza Roma gremita da scrittori, letterati e giornalisti, quella che ha visto svolgersi il Premio Letterario Kerasion, nella cornice intessuta di tradizione e nostalgia nel borgo montano del catanzarese. Un evento prestigioso che ha chiuso la rassegna dedicata alla cultura.

Banner

 

Banner

È stata proprio la letteratura la protagonista principale della serata, condotta dalla giornalista Ketty Riolo, per la conclusione della seconda edizione del Premio. «Un Premio giovane che quest’anno si è mostrato particolarmente maturo», come ha affermato la Presidente di Giuria Livia Blasi, intervenuta telefonicamente durante la premiazione. «Mi sono sentita quasi sorpresa – continua Blasi – . C’è una sorta di discrasia tra il fatto che questo premio sia così giovane, questa è appunto la sua seconda edizione, con una qualità davvero alta, ricca di libri sorprendenti. La scelta non è stata facile, il premio è cresciuto in brevissimo tempo».

 

Alla serata dedicata al Premio presenti i giurati Simona Dalla Chiesa, responsabile Premio Kerasion Carlo Alberto Dalla Chiesa, Vinicio Leonetti, Pasquale Allegro, Domenico Benedetto D’Agostino, Franco Zaffino, Responsabile sezione saggio edito, e Stefania Mancuso, docente Unical e archeologa.

 

Sono state 5 le sezioni premiate in un’edizione che ha visto concorrere ben 405 opere, di cui 268 per la sezione inedito e 137 di narrativa, saggio e poesia «segno di come il premio stia crescendo – commenta la direttrice Miriam Rocca –. Quest’anno abbiamo triplicato il numero di opere iscritte ricevendo scritti da tutta la Penisola».

 

Qualità e partecipazione anche per la sezione speciale dedicata a Carlo Alberto Dalla Chiesa sui libri che promuovono la cultura dell’antimafia: «I libri che sono arrivati – commenta Simona Dalla Chiesa, responsabile della sezione – sono la prova di come sempre di più questo tema non solo interessi la società ma sia strumento di divulgazione. A me ha colpito molto il fatto che in questi testi sia presente la figura femminile declinata in tutte le sue varianti. Sempre di più le donne stanno prendendo forza e i loro esempi sono fondamentali per la costruzione di una cultura diversa. Mi auguro che questi messaggi educativi, spesso sono veicolati dalle donne, possano giungere a sempre più persone attraverso la lettura, lo studio dei caratteri e delle ambientazioni».

 

All’interno della rassegna anche un premio speciale, consegnato dall’Amministrazione Comunale, che con una sua opera racconta la Calabria. Il premio consegnato a Gregorio Corigliano per il suo “Nero di seppia” nella prima edizione, ora va a Gianni Speranza per l’opera edita da Rubbettino “Una storia fuori dal Comune”, libro premiato perché racconta, partendo dalla esperienza amministrativa del suo autore, i respiri di rinascita e riscatto del territorio lametino.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner