San Pietro Magisano, torna il "LuceFest": arte, musica e spettacolo nel borgo presilano

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images San Pietro Magisano, torna il "LuceFest": arte, musica e spettacolo nel borgo presilano

  27 agosto 2022 13:10

Innovazione, bellezza, internazionalità, musica e soprattutto riqualificazione urbana. Questo e molto altro è la terza edizione del LuceFest di San Pietro Magisano, ai nastri di partenza. Quest’anno il festival si intreccia con il primo storico progetto di Erasmus Plus vinto dall’associazione organizzatrice, Luce a San Pietro. Da domenica sera arriveranno infatti 20 ragazzi nel piccolo borgo della Presila catanzarese che è ormai pronto a divenire un museo a cielo aperto. Saranno quasi 100 le opere d’arte del “W.O.W. Museum - Walk on Wonders” che allieteranno la vista dei visitatori e la quotidianità degli abitanti del borgo.

Il processo di riqualificazione urbana è portato avanti dagli spunti del direttore artistico, il giornalista Carmine Elia e del direttore organizzativo, il musicista Francesco Alberto. “L’obiettivo che ci eravamo prefissati due anni fa - affermano i due - era quello di portare San Pietro in tutto il mondo. L’edizione di quest’anno segna il fondamentale tassello iniziale”. Grecia, Spagna, Armenia e Ucraina saranno le nazioni ospitate nell’ambito del progetto Erasmus Plus. “Anche lo scambio giovanile - proseguono Elia e Alberto - ha lo scopo di valorizzare l’opera di riqualificazione urbana in corso a San Pietro, per dimostrare che un’area rurale può divenire attrattiva, moderna e innovativa attraverso principi sani come l’arte, la bellezza, l’ecosostenibilità e il riciclo creativo”.

Banner

Saranno Massimo Sirelli, Marco Ronda e Pierluigi Criserà i tre artisti che lavoreranno con i ragazzi Erasmus a progetti innovativi e di riqualificazione di San Pietro Magisano. Un piatto forte che sarà ulteriormente ampliato nell’ambito del festival di street-art che quest’anno fa un balzo di qualità ed assume una caratura internazionale. A consentirlo sono gli ospiti. In un insolito pre festival ha già operato Alice Pasquini, street-artist romana di ritorno dalle sue ultime opere a Toronto e Londra. A partire da lunedì arriveranno uno dopo l’altro tutti gli altri artisti. Ci sarà Claudio Chiaravalloti, in arte Morne, che rappresenterà la Calabria. E poi Tony Gallo, padovano che dipinge da anni in tutta Europa. A seguire sbarcheranno a San Pietro lo spagnolo Slim Safont, la portoghese Kruella d’Enfer al suo primo murales in Italia e il francese Louis Bernard, in arte 3ttman. La prestigiosa line-up sarà chiusa a metà settembre, in un appuntamento “off-festival”, da Eduardo Kobra, fuoriclasse brasiliano della street-art. La sua arte ha toccato muri di tutti e cinque i continenti e per la prima volta arriverà in Calabria. LuceFest è anche approfondimento culturale: saranno ospiti l’ex sindaco di Lamezia, Gianni Speranza, le scrittrici Eliana Iorfida e Olga Fotino e lo scrittore Marcostefano Gallo. Il tutto sarà contornato dall’appuntamento con l’accensione delle luminarie, che incanteranno il pubblico nella serata di lunedì 29 agosto e dal videomapping che sarà proiettato il 6 settembre sulla facciata del Santuario e che racconterà la storia millenaria del borgo e del culto dell’ivi venerata Madonna della Luce. Grande attesa, altresì, per il concerto di Eman previsto per la sera del 4 settembre in piazza. 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner