Sanità a Catanzaro, Comitato Talerico Sindaco: "Priorità a liste di attesa e assunzioni"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanità a Catanzaro, Comitato Talerico Sindaco: "Priorità a liste di attesa e assunzioni"

  07 giugno 2022 13:13

"La visita del Sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa, è stata una proficua occasione di confronto sui temi caldi della sanità in Calabria ed a Catanzaro. 

Il sottosegretario Costa, che sostiene la candidatura a sindaco di Antonello Talerico, ha accolto le sollecitazioni del candidato in ordine alla grave situazione determinata dalle liste di attesa e dai tempi sempre più lunghi (anni) per sottoporsi ad esami anche urgenti e per gravi patologie, alla necessità di procedere immediatamente a nuove assunzioni (la Calabria nel periodo Pandemico è stato l'unica Regione ad aver avuto il segno meno sulle assunzioni: -11%), unitamente alla stabilizzazione dei troppi precari che da anni oramai operano nelle diverse strutture sanitarie, senza alcuna tutela". 

Banner

Lo scrive, in una nota, il Comitato "Antonello Talerico Sindaco".

Banner

"Di poi, il confronto si è spostato sugli altri temi fondamentali : il dramma dei pronto soccorso e le lunghe attese su una panchina o in barella; la carenza dei medici del 118, aggravato da un sistema gestionale inadeguato, mansioni aumentate a seguito del covid (trasferimenti, soccorsi, etc...) senza alcuna proporzione rispetto alla disponibilità del personale e dei mezzi (manca financo il ponteradio), la dislocazione degli operatori e copertura di vasti territori con il rischio che il 118 arrivi dopo circa un'ora! (i codici rossi dovrebbero intervenire entro 8 minuti !) e, rischio che le chiamate al 118 non abbiano immediata risposta in ragione dell'esiguità degli operatori ! 
Ed ancora, le indennità ed i  rimborsi covid non corrisposti, la mancata previsione delle indennità per gli operatori del centro trasfusionale e delle indennità per il rischio radiologico. 

Banner

Per non dimenticare, la inadeguatezza della medicina del territorio e dell'assistenza domiciliare, rispetto alle quali dobbiamo intervenire ed investire con celerità in quanto molti malati gravi ed anziani vengono abbandonati a sé stessi senza alcuna assistenza sanitaria. 
Un quadro allarmante che deve essere gestito con pochi operatori costretti a lavorare in condizioni inaccettabili con inevitabile serio rischio per la salute stessa dei malati. 
In tutto questo si inserisce anche la questione della integrazione tra le due aziende sanitarie (Ospedale Pugliese-Ciaccio e A.O.U. Mater Domini), che dovrà mettere al primo posto la qualità e la idoneità dell'assistenza sanitaria, la valorizzazione delle singole professionalità che in questa Città ha consentito a molti malati di curarsi e di reggere la domanda di salute di una intera Regione, oltre la gestione della emergenza/urgenza!"

"Sono certo -conclude il Comitato- che l'integrazione non sarà facile, ma dobbiamo fare in modo che ciò avvenga sotto la guida di figure competenti ed obiettive, solo così sarà possibile costruire un sistema sanitario eccellente. Il nuovo Sindaco di Catanzaro dovrà essere, però, uno dei protagonisti della integrazione sanitaria, impedendo che la sanità continui ad essere strumento di ripartizione del potere o peggio ancora di collocamento per amici o parenti". 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner