Sanità, anche Rifondazione Comunista aderisce allo sciopero indetto da USB

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanità, anche Rifondazione Comunista aderisce allo sciopero indetto da USB
Rifondazione Comunista
  27 gennaio 2022 12:54

"Venerdì 28 gennaio saremo presenti alla Cittadella Regionale per sostenere lo sciopero generale per difendere la sanità pubblica indetto dall’unione Sindacale di Base.
Una manifestazione più che mai necessaria alla luce delle allarmanti condizioni di lavoro degli operatori sanitari e dei livelli di assistenza ai cittadini. A questo va aggiunta la carenza strutturale di personale sanitario". Così, in una nota, Pino Scarpelli, Segretario Regionale di Rifondazione Comunista, e Mario Sinopoli, Segretario Provinciale PRC Catanzaro.

"Aderiamo in maniera convinta perché sposiamo in pieno, e portiamo avanti da tempo, le rivendicazioni alla base dello sciopero. -scrivono ancora-  Riteniamo, infatti, che ci sia bisogno di un piano straordinario di stabilizzazioni e assunzioni per sopperire alla carenza strutturale di personale sanitario e garantire i servizi; della realizzazione di strutture sanitarie e terapie intensive, ma anche delle fine del disastroso commissariamento della sanità calabrese e del ritorno ad un unico Sistema Sanitario Nazionale che possa garantire a tutte e tutti, e su tutto il territorio italiano, il diritto alla salute".

Banner

 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner