Sanità, lettera aperta dei precari del "Pugliese" a Cotticelli e agli idonei

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanità, lettera aperta dei precari del "Pugliese" a Cotticelli e agli idonei

  04 ottobre 2019 16:43

 

Inizia così la lettera aperta a firma precari del Pugliese e Unione Sindacale di Base indirizzata al commissario della sanità calabrese Saverio Cotticelli. 

Banner

"Caro generale butti giù la maschera, vogliamo la verità e le responsabilità di questo teatro dell’assurdo. Lei sicuramente rappresenta lo stato e le leggi ma nel fare lo sceriffo non ci venga a parlare di legalità. In questo dramma sociale tutto calabrese la legge è invalicabile solo al Pugliese - Ciaccio - continuano i precari -  nella città di Catanzaro l’azienda ospedaliera Mater Domini continua a far lavorare gli Oss e gli infermieri oltre i 48 mesi (figli dello stesso avviso pubblico) come se nulla fosse. Ci puo’ spiegare perché? Ci hanno letteralmente scaraventato dentro nel 2015 perché non c’era personale. Non ci può rispondere?? Sono mesi che riceve chiunque tranne i precari del Pugliese. Non abbiamo nulla contro i nostri colleghi precari sia chiaro, ma non ci bastano più le presunte scuse dell’autonomia aziendale…la legge e’invalicabile lo sta ripetendo lei...

Banner

Non entriamo troppo nel merito della questione concorso dell azienda ospedaliera Pugliese, lo sanno anche i muri in città come sono andate le cose, ma un po’ di onestà intellettuale forse basterebbe ad affievolire questa presunzione di legalità che francamente risulta priva di fondamento giuridico reale, stanca e alimenta una guerra tra poveri assurda.

Banner

Siete idonei, non vincitori, e dovreste comunque pretendere un posto a tempo indeterminato autorizzato su posto vacante. Non siete una sostituzione del tanto demoniaco precario illegale abusivo che secondo le logiche ragionieristiche della struttura commissariale odierna risulta essere personale in esubero. Occhio., idonei, se cosi fosse voi non sostituite proprio nessuno, nemmeno a tempo determinato!

Bellissimo fare gli splendidi con i decreti del vecchio commissario, dopo 9 mesi partorire un copia incolla di vari Dca deve essere stato molto difficile. Non bastano, non basteranno ma forse, diminuire i servizi e aumentare l’emigrazione sanitaria della regione e’ il vero obiettivo?

Quella che è stata definita erroneamente legge salva precari è stato un indirizzo che provava ad accontentare entrambe le fazioni, ma l le elezioni sono lontane.

Caro commissario lei lo sa che l’azienda ospedaliera sarà costretta a risarcire presso il giudice del lavoro l’abuso dei contratti a tempo determinato? Lo sa che l’azienda ha effettuato dei licenziamenti illegittimi e che lei stesso a giugno (non è passato per fortuna nessuno sopra il suo cadavere) ha autorizzato la proroga fino a dicembre 2019?

Non ci restituirà nessuno il lavoro, ma il danno erariale risulterà importante. Questo è legale?

Ci fermiamo qua, siamo stanchi, ma visto che non ci vuole incontrare…abbia il coraggio di rispondere punto su punto pubblicamente"

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner