Sanità nel caos, lo sfogo di un medico: "Hanno deciso di distruggere il Pugliese! Ora si faccia carico il prefetto della cura dei pazienti..."

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanità nel caos, lo sfogo di un medico: "Hanno deciso di distruggere il Pugliese! Ora si faccia carico il prefetto della cura dei pazienti..."
Domenico Rondinelli
  17 ottobre 2019 15:41

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di un medico del reparto di Chirurgia generale uomini dell'ospedale "Pugliese" di Catanzaro

Hanno deciso di distruggere il Pugliese! Lo hanno deciso a tavolino per chissà quali scopi nascosti. Lo hanno deciso persone incompetenti ed incapaci, che se hanno un problema di salute sono pronti a correre per farsi curare negli ospedali del nord o in costose strutture private. Lo hanno deciso sulla pelle di tante persone utilizzate e sfruttate per anni ed adesso mandate a casa dall'oggi al domani, solo perché "qualcuno" profumatamente pagato non ha voluto e non è stato capace di affrontare e risolvere il problema dei precari.

Banner

Un ospedale Hub che perde posti letto non è concepibile per i cittadini che hanno bisogno di cure specialistiche. Adesso voglio vedere che succederà, dove verranno alloggiati tutti i pazienti che quotidianamente vengono trasferiti dagli ospedali di Vibo Valentia, Crotone, Lamezia Terme, Soverato, Locri e simili. Bisogna avere il coraggio di rimandare indietro chi può essere tranquillamente curato, e sono i più, in questi ospedali e che arrivano al Pugliese spesso per banalità o per permettere al personale di tali ospedali di passare un fine settimana tranquillo. Eppure il Commissario, proprio perché commissario con pieni poteri, una cosa la potrebbe fare invece di ridurre i posti letto del Pugliese.

Banner

Fare un concorso ad hoc per sistemare i precari, che tanto hanno dato a tale Azienda evitando così la riduzione dei posti letto o trasferire d'ufficio al Pugliese dagli ospedali periferici un po' di quel personale che in quei posti non so a che serve, che cosa fa e come passa le giornate. Io, per quanto mi riguarda, propongo una cosa: d'ora in poi, ogni volta che in reparto arriva un paziente in barella, avvertiamo non la direzione sanitaria o la direzione aziendale ma il Prefetto perché, visto la dichiarata e palese impossibilità ed incapacità di tali dirigenti a risolvere il problema, deve essere il Prefetto a farsi carico della cura dei pazienti, in quanto è un suo preciso compito istituzionale assicurare, tra l'altro, anche la salute dei cittadini.

Banner

Domenico Rondinelli

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner