Sanità, Occhiuto: "La Calabria può assumere 2.500 operatori, il Governo deve starci vicino"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanità, Occhiuto: "La Calabria può assumere 2.500 operatori, il Governo deve starci vicino"
Il presidente Roberto Occhiuto
  04 maggio 2022 17:32

“Sul personale stiamo facendo delle valutazioni insieme al governo. Mentre le altre Regioni italiane chiedono di sfondare il tetto delle assunzioni per avere nuovi medici e infermieri, perché c’è una carenza cronica in tutta Italia, la cosa assurda è che in Calabria, senza sfondare il tetto delle assunzioni, potremmo già assumere 2.500 figure sanitarie, tra medici e infermieri”.

Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, parlando con i giornalisti nel corso di un sopralluogo presso il cantiere del nuovo ospedale della Sibaritide.

“Non si fa per due ragioni: da un lato manca la capacità amministrativa all’interno delle aziende sanitarie che spesso non riescono a fare i concorsi come dovrebbero, selezionando magari il più delle volte personale amministrativo; l’altra ragione è che la Calabria purtroppo non è abbastanza attrattiva per i medici stessi. Un giovane professionista specializzato, - evidenzia - potendo scegliere e avendo ampia scelta in tutta Italia, preferisce andare a lavorare in una struttura più qualificata e all’avanguardia, piuttosto che nei nostri presidi che presentano un maggiore livello di difficoltà lavorativa e di organizzazione".

"Per cui dobbiamo lavorare e creare un sistema di incentivi per assumere più medici, con concorsi a tempo indeterminato. Ci stiamo muovendo per fare tutto questo, ma al governo abbiamo chiesto di starci vicino per cambiare dove è possibile le regole e rendere più veloci le assunzioni. Ad esempio, - conclude - ho chiesto di avere la possibilità di procedere alle assunzioni in materia sanitaria attraverso una struttura centralizzata, in capo al Dipartimento della Funzione pubblica, che è Formez, proprio per ovviare al deficit organizzativo dei concorsi da parte delle nostre strutture sanitarie. L’importante è che i calabresi abbiano i medici che servono a curarli. Le strutture sono fondamentali ma vanno riempite di professionalità”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner