Sanità, Pitaro: "No a 21 sistemi sanitari differenti, il diritto alla salute è un bene comune"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanità, Pitaro: "No a 21 sistemi sanitari differenti, il diritto alla salute è un bene comune"
L'avvocato Francesco Pitaro
  31 agosto 2022 18:32

 
“Sulla sanità allo sbando della Calabria, l’errore su cui si sta perseverando è lo scontro politico e sociale che crea un clima di diffusa contrarietà e che, al di là delle ragioni e dei torti, disorienta i cittadini e incrementa la sfiducia nel Sistema sanitario pubblico calabrese. Né  aiuta a rimuovere  gli ostacoli che impediscono l’erogazione di prestazioni sanitarie dignitose e neppure consente  di colpire i grumi di potere, sedimentati nei decenni, che all’interno del sistema pubblico impediscono al merito e alle capacità di farsi spazio.  
 
La violazione del diritto alla salute dei calabresi imporrebbe da parte del Commissario non scelte unilaterali (che a volte generano più problemi che soluzioni), ma scelte preventivamente discusse nel merito con tutte le forze politiche e sociali e che riservino un’attenzione rigorosa alle fasi esecutive, come chiede inascoltato il Gruppo del Pd in Consiglio Regionale.
 
La mia opinione è che sulla sanità è tempo, come si era ipotizzato in piena pandemia, quando lo scontro Stato-Regioni è finito persino nelle aule dei Tribunali amministrativi, che lo Stato, nel rispetto dell’articolo 32 (“La Repubblica  tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”), si riappropri dell’intera materia e garantisca pari diritti ai cittadini, prescindendo dal territorio in cui risiedono.
Non è più tollerabile che sull’accesso alle cure, con 21 Sistemi sanitari differenti, si abbiamo figli e figliastri e che l’offerta di salute sia pericolosamente disomogenea ai danni dei cittadini che vivono in regioni come la Calabria.
 
È tempo che Parlamento e Governo recuperino, come chiede l’Europa attraverso il Recovery Fund, tralasciando ogni altra  proposta che rinsalderebbe l’esistenza delle due Italie, la spinta a fare della riduzione dei divari Nord-Sud, a partire dal bene primario della salute, un obiettivo centrale della loro azione”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner