Sanità. Postazione 118 a Girifalco. Stranieri (M5S): "Un sogno, rischiamo di non avercela più"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanità. Postazione 118 a Girifalco. Stranieri (M5S): "Un sogno, rischiamo di non avercela più"
Luigi Stranieri
  23 maggio 2021 14:20

  “Insomma dopo l’ultimo selfie, dal quale è trascorso oramai quasi un mese e mezzo; ci riferiamo a quella “fantomatica” protesta per “riavere” la postazione del 118 a Girifalco, dobbiamo purtroppo certificare come questa postazione sia diventata soltanto una chimera, un sogno. Perché? Perché non ce l’abbiamo più. O meglio, diciamo meglio: perché rischiamo di non avercela più!”

A sostenerlo è l’ex consigliere comunale Luigi Antonio Stranieri.

Banner

“Ebbene, è risaputo che una volta trascorsi i 60 giorni dalla firma della relativa delibera dell’Asl catanzarese, - e nel frattempo, non si sia fatto nulla - i giochi siano praticamente fatti e chi pensa che qualcuno o qualcosa distoglierà questa decisione, è proprio un illuso!  Tanto per essere un tantino più precisi, diciamo che la delibera è: la n. 423 del 30 marzo 2021! Dunque, se facciamo bene i conti mancheranno ad occhio e croce soltanto cinque giorni? Ed allora, rimane poco meno di una settimana a partire da domani: se così fosse, diamo fuoco alle polveri, e chi di dovere, prima che sia troppo tardi, si muova, subito però!  Una politica lungimirante, quella girifalcese, sa esser tale se sa “aggredire” i problemi! Perché se adesso ci han tolto il 118, domani allora, cosa ci toglieranno? Non osiamo manco immaginarlo".

Banner

"Come sono avveduti ed attenti i nostri amministratori, come sono altrettanto avveduti ed attenti quei nostri rappresentanti in consiglio comunale che rappresentano, come dire: “l’opposizione che non c’è!” - spiega Stranieri - Signori, cari concittadini, facciamocene una ragione, una volta per tutte, rivolgiamoci soltanto al buon Dio perché non ci accada nulla perché, se così stanno le cose, la nostra comunità e quelle vicine alla nostra, rischiano seriamente di rimanere isolate... e la mancanza della postazione del 118 non potrà far altro che aumentare all’ennesima potenza, questa probabilità! E’ del tutto evidente, che noi speriamo - perché sulla salute non si scherza per nessuna ragione al mondo! - di venire anche clamorosamente smentiti! Vorremmo che, chi può, intervenga immediatamente, e faccia stavolta davvero sul serio! Ma il problema, però, cari concittadini, lo sapete qual è? E’ che come recita il detto, a tutti noto: “chi di speranza vive... poi, disperato muore!”. Sigh!”.  

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner