Sanità pubblica a rischio, priorità e sicurezza delle cure": a Catanzaro il 28 e 29 giugno il convegno di Cisl Medici

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanità pubblica a rischio, priorità e sicurezza delle cure": a Catanzaro il 28 e 29 giugno il convegno di Cisl Medici

  26 giugno 2024 19:40

Il Convegno che si terrà a Catanzaro il 28 e 29 giugno presso l’Hotel Guglielmo ed organizzato dalla CISL MEDICI si propone di affrontare le tematiche legate alla crisi di sostenibilità del SSN ed alla sicurezza dei pazienti che è uno dei fattori determinanti della qualità delle cure, delineando spunti di riflessione su possibili interventi di politica sanitaria.

La situazione sanitaria, ad oltre 45 anni dall’istituzione del SSN, è sempre più un’area dove le disuguaglianze sono maggiormente evidenti. Pertanto, aumenta la necessità di pensare e rivedere la programmazione e la gestione dei servizi sanitari, ponendo al centro i bisogni di salute dei cittadini.

Banner

Nella prima sessione del 28, presieduta da Ignazio Ganga e dal Dott. Giuseppe Raiola, parteciperanno il Prof. Enrico Desideri esperto del Ministero della Salute e il Prof. Francesco Cognetti, oncologo e Coordinatore FoSSC. La sessione sarà preceduta dai saluti del Sindaco di Catanzaro, del Prof, Rocco Bellantone, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, dal Prof. Francesco Mennini Capo Dipartimento del Ministero della Salute, dal Dott. Filippo Anelli Presidente Nazionale Ordine dei Medici e dal Dott. Roberto Monaco presidente CO.GE.A.P.S. 

Banner

Successivamente, la giornata di venerdì verrà dedicata allo stato dell’arte della responsabilità professionale ed alle tematiche affrontate dalla legge n. 24/2017 alla luce dei recenti decreti attuativi. L’obiettivo è di avviare un dibattito, anche in seguito alle conclusioni della “Commissione per lo studio e l’approfondimento delle problematiche relative alla colpa professionale medica” insediata presso il Ministero della Giustizia, su possibili prospettive di riforma. Parteciperanno il Magistrato Adelchi D’Ippolito, presidente della commissione sulla colpa professionale medica, la Prof. Frati dell’Università “La Sapienza” di Roma e l’Avv. Donato di Roma.

Banner

Una riflessione sarà rivolta alle linee guida che necessitano di un continuo aggiornamento ed ai nuovi profili di responsabilità professionale sull’uso dell’intelligenza artificiale. Su questi aspetti relazioneranno il Prof. Giovanni Scambia, Direttore Scientifico del Policlinico “Gemelli” di Roma, ed il Prof. Raffaele La Russa docente Università dell’Aquila.

La terza sessione di sabato mattina punta ad individuare modelli e proposte sostenibili per il futuro della sanità pubblica, dalla gestione del rischio all’integrazione ospedale-territorio alla telemedicina nell’assistenza sanitaria territoriale. Alla sessione, presieduta dal Dott. Rodinò ed il Prof. Chiarella, parteciperanno la Dottoressa Marzia Sandroni dell’AUSL Toscana Sud Est., il Prof. Amenta presidente C.I.R.M. ed il Prof. Minarini di Bologna.

La successiva Tavola Rotonda vuole offrire l’opportunità di un confronto sulla medicina di prossimità che deve tener conto della grave carenza di personale sanitario. In particolare, l’insufficiente gestione del paziente cronico indica la necessità di innovare le modalità della presa in carico del paziente con un approccio multidisciplinare ed una più efficace integrazione con tutti i servizi socio-sanitari

Parteciperanno il Prof. Viscomi, ordinario di diritto del lavoro all’UMG, ed il Dott. Giuseppe Zuccatelli già presidente AGENAS. Di seguito interverranno la Dott.ssa Amalia Bruni, l’Avv. Talerico, Daniele Gualtieri e Tonino Russo segretario Cisl Calabria.

Le conclusioni del convegno saranno tratte da Ignazio Ganga, segretario nazionale confederale Cisl e reggente nazionale Cisl medici.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner