Sanremo 2021. Il calabrese Aiello questa sera sfida il palco dell'Ariston con "Ora" (IL TESTO)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sanremo 2021. Il calabrese Aiello questa sera sfida il palco dell'Ariston con "Ora" (IL TESTO)
Aiello
  02 marzo 2021 11:59

di CLAUDIA FISCILETTI

Inizia questa sera l'edizione 2021 del festival di Sanremo. In gara, come annunciato nei mesi scorsi, anche Aiello, nato a Cosenza, con la canzone "Ora" nella categoria Big.

Banner

Banner

Aiello è ormai conosciuto in tutta Italia per i suoi successi, tra cui Vienimi (A ballare), disco d'oro FIMI, e il nuovo singolo uscito in autunno Che canzone siamo e nel 2011 aveva già partecipato alle audizioni per la categoria "Nuove proposte" del Festival, non qualificandosi però tra i finalisti.

Banner

Quest'anno i Big in gara saranno 26, compreso Aiello, che condividerà il palco di Sanremo con Francesco Renga, Coma_Cose, Gaia, Irama, Fulminacci, Madame, Willie Peyote, Orietta Berti, Ermal Meta, Fasma, Arisa, Gio Evan, Maneskin, Malika Ayane, Maz Gazzè e la Trifluoperazina Monstery Band, Ghemon, La Rappresentante di Lista, Noemi, Random, Colapesce Dimartino, Annalisa, Bugo, Lo Stato Sociale, Extraliscio feat. Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti e Francesca Michielin con Fedez.

Il testo di "Ora" che sarà nel nuovo album di Aiello dal titolo "Meridionale":
Ora ora ora ora
Mi parli come allora
Quando ancora non mi conoscevi
Pensavi le cose peggiori
Quella notte io e te
Sesso ibuprofene
Tredici ore in un letto
A festeggiare il mio santo
Il giorno dopo su un treno che mi portava a casa
Nessuno mi aveva detto “devi tornare a scuola”

Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco

Ora ora ora ora
Te la ricordi ancora
Quella notte io e te
Sesso ibuprofene
Avevo il cuore malato
Ma tu non lo vedevi
Mi tenevo le pezze gelide dietro al petto
Ci tenevo a mostrarmi come un drago nel letto

Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui ero fuori da poco

Mi sono perso nella notte, non mi hai mai abbracciato
E mi vergogno a dirlo di solito sputo fuoco
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco
Ho visto foto di te
Il tuo compagno, una bambina
Poi quella casa l’hai finita
Dovevi portarci me
Dovevi portarci me
Sesso ibuprofene

Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui ero fuori da poco

Mi sono perso nella notte, non mi hai mai abbracciato
E mi vergogno a dirlo di solito sputo fuoco
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner