Scognamillo in sala stampa: "Catanzaro per me è casa e questo è un grande gruppo"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Scognamillo in sala stampa: "Catanzaro per me è casa e questo è un grande gruppo"
Stefano Scognamillo in sala stampa
  21 febbraio 2024 16:08

di ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

“Catanzaro per me è casa e poi abbiamo un grande gruppo”.

Banner

Sono le parole di Stefano Scognamillo, uno dei veterani del Catanzaro dei record, pilastro difensivo e personaggio carismatico dello spogliatoio.

Banner

“Sto bene in città ho stretto molte amicizie e siamo contenti di essere qui con la mia famiglia”.

Banner

Poi entra nel merito del campionato: “Il girone di ritorno è diverso, ma lo sapevamo benissimo. Affrontiamo sfide più dure e le squadre stanno incominciando a conoscerci, ma stiamo rispondendo bene”.

Qualche gol subito di troppo “Ci sta andando un po’ tutto male da questo punto di vista perché non subiamo tanto, ma ad ogni minima disattenzione veniamo punti. Diciamo che è un periodo un po’ strano ma stiamo cercando di limitare gli errori che stiamo commettendo.

E sul ruolo chiarisce: “Io sono a disposizione e del mister e qualunque ruolo mi vuole far fare io lo faccio”.

Poi ribadisce un concetto: “L’obiettivo iniziale della squadra è la salvezza, quello che viene è tutto di guadagnato, ma se dall’inizio siamo lì vuol dire che abbiamo voglia di restarci”.

Un progetto che parte da lontano “Sì è vero dura da 4 anni e si è delineato pano piano. Ringrazio sempre il mister che mi ha aiutato tantissimo ad essere meno aggressivo e molto più tranquillo con la palla. Abbiamo un grande gruppo”. 

Fino ad ora nessun gol “ma preferisco non prenderne, ci rende nervosi e subirli sempre è brutto”.

Sul Cittadella “La conosciamo è una squadra molto tosta e sta passando un brutto momento. Sono fisici, ma noi non siamo da meno. Conosciamo le loro qualità e affronteremo la partita nel migliore dei modi”.

Sempre meno cartellini, anzi “quest’anno ne ho presi di più rispetto all’anno scorso, ma sto lavorando ancora per prenderne sempre di meno”.  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner