Scontro fra governo e Regioni sull'election day

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Scontro fra governo e Regioni sull'election day
Il ministro Lamorgese

Riunione fra il ministro dell'Interno e alcuni governatori

  27 maggio 2020 23:29

Si è concluso con un nulla di fatto l'incontro tra il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese e governatori delle cinque regioni prossime alle elezioni, De Luca, Emiliano, Ceriscioli, Toti e Zaia, presidenti rispettivamente di Campania, Puglia, Marche, Liguria e Veneto. Il tema dell'incontro è stato la data delle votazioni che erano state posticipate per l'emergenza Covid e che secondo il governo potrebbero svolgersi il prossimo 20 settembre. I cinque governatori hanno però espresso la massima contrarietà su questa data, chiedendo di anticiparla e di aprire un ventaglio possibile per le elezioni dal 27 luglio. "Votare è un principio democratico, se va avanti così siamo costretti a rompere con il governo", hanno detto i cinque governatori, secondo quanto si apprende.

Il ministro ha poi ricordato ai governatori, sempre secondo quanto si è appreso, che non viene leso alcun diritto decisionale e che i presidenti delle Regioni potrebbero indire le elezioni già per il 6 settembre: secondo le norme, entro il 18 luglio è possibile presentare il provvedimento ed entro il 7-8 agosto le candidature, facendo partire la campagna elettorale dal 7 agosto. Al termine della riunione il ministro Lamorgese, che da mesi è già in contatto con le regioni in merito alla questione della data delle elezioni, ha preso atto delle posizioni dei cinque governatori e le riporterà al Presidente del Consiglio per poi riaggiornarsi con i governatori. All'incontro di oggi era presente anche il presidente della Conferenza delle Regioni Bonaccini.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner