“Scuola amica”: il progetto Unicef e Ministero ha preso il via nella provincia di Catanzaro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images  “Scuola amica”: il progetto Unicef e  Ministero ha preso il via nella provincia di Catanzaro

  23 novembre 2023 11:59

Il progetto “Scuola amica dei bambini delle bambine e degli adolescenti”, proposto dall’Unicef e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, ha preso il via nella provincia di Catanzaro, a seguito di un incontro convocato dal presidente del comitato dell’Unicef, Costantino Mustari, con il sostegno del presidente di Unicef Calabria, Giuseppe Raiola.

All’incontro, tenuto nei giorni scorsi, hanno partecipato i referenti delle diciotto scuole, undici Istituti Comprensivi e sette Istituti di Istruzione Superiore, che hanno aderito al progetto.

Banner

Il presidente Mustari, dopo aver porto il saluto ai presenti e l’augurio che il progetto, come per i decorsi anni scolastici, si riveli efficace sotto il profilo educativo per gli alunni che vi saranno coinvolti, ha sommariamente illustrato, perché i presenti se ne rendano portavoce, le emergenze per le quali l’Unicef è impegnato in Italia e nel mondo: malnutrizione, Afganistan, Gaza, Libia, Marocco, Ucraina, Turchia, oltre ai tradizionali luoghi del mondo dove la sua presenza con operatori volontari e con funzionari è costante e fattiva per far esercitare a i minori i loro fondamentali diritti.

Banner

Quindi Teresa Rizzo, storica referente ed esperta del progetto, ha illustrato con dovizia di particolari e di esemplificazioni, a beneficio dei docenti che per la prima volta si cimentano in questa esperienza progettuale, ma anche dei “veterani”, i “nove passi” richiesti dal progetto stesso per arrivare ad ottenere, al termine dell’anno scolastico, l’attestato di “scuola amica”.

Banner

Ne è seguito un interessante e partecipato dibattito verbalizzato dalla segretaria provinciale dell’Unicef Nuria Vadalà. La riunione è terminata con l’impegno dei presenti di realizzare, in prossimità delle festività natalizie attività finalizzate alla raccolta fondi per contribuire ad affrontare le emergenze sociali nelle quali l’Unicef è impegnato e nel contempo ad avviare le azioni che il progetto Scuola Amica richiede.

Le parti si incontreranno di nuovo nel prossimo mese di febbraio per una verifica intermedia del progetto stesso.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner