Sellia pronta ad accogliere Vladyslav e Oleh in fuga dalla guerra in Ucraina

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sellia pronta ad accogliere Vladyslav e Oleh in fuga dalla guerra in Ucraina

  09 marzo 2022 07:48

Oggi alle 16:30 nella Sala Consiliare la comunità di Sellia accoglierà Vladyslav e Oleh, un bambino di 8 anni ed un ragazzo di 14 provenienti dalla Ucraina,  che lo zio paterno Alessio Danylets,  ucraino di nascita ma che vive a Sellia da tanti anni, è andato a prendere in macchina nei giorni scorsi con un lunghissimo viaggio fino ai confini tra Ucraina e Polonia.

”Li accogliereno - scrive il sindaco Davide Zicchinella - alla presenza dei bambini di Sellia. I due sono figli del fratello di Alessio che è rimasto in patria con la moglie per difenderla dalla aggressione russa. Alessio, sposato con Tanya, donna bielorussa, genitori a loro volta di 3 figli, allo scoppio della guerra ha organizzato subito la partenza per mettere in salvo i nipoti. Conosco bene Alessio perché da anni lavora in comune come Ex Tirocinante svolgendo con amore e dedizione il ruolo di accompagnatore dei bambini sul pulmino. Conosco bene la famiglia Danylets perché sono il pediatra dei due figli più piccoli. Ovviamente mi metterò subito a disposizione dei fratellini Danylets appena arrivati. Oggi pomeriggio alla presenza del Sacerdote Don Davide Riggio, della Amministrazione tutta e di tanti bambini selliesi gli faremo sentire il calore della nostra terra e tutta la nostra vicinanza”.

Banner

Intanto ieri mattina  la Giunta Comunale in via straordinaria ed urgente ha deliberato  l’adesione al piano regionale e nazionale di accoglienza dei profughi ucraini dalla guerra. “Abbiamo deliberato la messa a disposizione dell'ex edificio scolastico di Sellia per accogliere famiglie con  bambini. In 13 giorni di guerra oltre due milioni di ucraini sono fuggiti dai bombardamenti e dalla fame. Oltre 1 milione sono bambine e bambini. Sellia nel suo piccolo farà la sua parte. Siamo un piccolo borgo ma abbiamo un grande cuore. Sellia c'è!”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner